Si ricomincia Starting again

20131223-200743.jpg

Da un po’ che non scrivo di come sto, perché sto come al solito e non c’é nulla di cui scrivere. Ma nei giorni passati alcune cose mi hanno fatto riflettere ed ho cambiato idea.
Tra quello che ti insegna questa malattia ci sono i meandri burocratici che, di solito, sono conosciuti tramite i giornali o per sentito dire. Bene, percorrere questi meandri ora mi porta ogni anno a fare una visita di controllo all’INPS. È un automatismo innescato dalla diagnosi iniziale che mi attribuisce una percentuale di invaliditá, inizialmente per la malattia e poi per le conseguenze della cura chemioterapica, da riverificare periodicamente. Di fronte a queste visite di controllo non riesco a non pensare al film di Benigni, dove lui simula un’invaliditá agitando la mano ogni volta che incontra l’ispettore del ministero!

L’invaliditá, il riconoscimento dell’invaliditá e i vantaggi dell’invaliditá. Sono tre elementi su cui molti studiosi hanno sicuramente scritto e dibattuto a lungo, con maggior competenza del sottoscritto, ma su cui io non avevo, prima d’ora nessuna opinione o conoscenza personale.

L’invaliditá. Capisco ora quanto sia una cosa soggettiva. Prima associavo questa parola a chi, per menomazioni fisiche, nel pensiero comune e nel mio è considerato poveretto, sfortunato, infelice, in una frase “non valido quanto me“, appunto invalido. E proprio grazie a questo quanto me, soggettivo. Si perchè, senso comune a parte, indica una incapacitá rispetto ad uno stato normale, o meglio, allo stato che noi consideriamo normale. La differenza tra invaliditá e malattia la distinguiamo grazie alla durata o alla previsione di durata di questa incapacità; ecco che se un dolor di denti o di schiena, non ci permette di uscire di casa, è malattia perchè sappiamo che medicine o interventi la faranno passare in un lasso di tempo. Ma se, attorno ai quarant’anni, non riusciamo più a leggere come prima le etichette dei prodotti, abbiamo una delusione, ci consideriamo oramai invalidi, anche senza dirlo in modo esplicito, perchè sappiamo di avere perso per sempre quella capacità, e che non torneremo mai piú in quello stato iniziale.

Il riconoscimento dell’invaliditá. Questo non è un fatto che dipende da noi, ma da chi messo con noi a confronto, distingue una certa invalidità. È un riconoscimento che dipende dal concetto di invaliditá che hanno gli altri, non dal nostro. Ma qui è d’obbligo una distinzione: tale riconoscimento puo avvenire sulla base dell’idea di invaliditá soggettiva che ha l’altro, oppure sulla base di una invaliditá stabilita da norme e leggi. Qui mi voglio concentrare solo sul secondo caso, che poi è quello con cui mi confronto periodicamente con l’INPS. Bene, sebbene in prima battuta il concetto di invaliditá viene delineato secondo delle norme, viene definitivamente e formalmente riconosciuto solo dopo l’esame da parte di una commissione competente. La chiamo competente perché, secondo la mia esperienza, è composta da quattro persone tra cui, non so in che misura, ci sono sia medici che funzionari INPS.
Qui torno a Benigni e non invidio il lavoro della commissione. Loro in pratica accolgono e verificano una serie di domande di invalidità per i motivi piú differenti tra loro, quindi la loro competenza, che non puó essere approfondita ed aggiornata ad un livello dignostico in tutti i campi, deve essere tale da comprendere quanto scritto e riportato dai referti di esami e visite presentati in quel momento da ciascun paziente. Ma per un giudizio completo, la commissione si basa anche su verifiche dirette e su una modalità di intervista del paziente in cui si cerca di appurare in cosa consiste e come viene percepita la situazione di invaliditá. Ecco la Benigni-componente. Ogni volta io sono in imbarazzo nel sintetizzare e nel cercare di ricordarmi tutti i disagi o gli impedimenti che concretamente formano la mia situazione soggettiva di invaliditá. Attenzione, non è un imbarazzo per riservatezza a parlare di queste cose, ma lo è perché mi viene da ridere, sia pensando al film e sia pensando a quanti si presentano a queste occasioni fingendo o calcando, e comunque recitando, una situazione non reale. Tralasciamo i casi in cui membri compiacenti hanno certificato per ciechi, persone successivamente miracolate. In quel momento io penso “si, proprio questo signore che mi chiede di camminare sulle punte, a cui io sinceramente chiedo di non farlo perché mi fa molto male e quindi mi dice di provare sui talloni. Ma quanti teatranti avrá visto? E come fa a non ridere in quei casi? E come fa a non diventare prevenuto e considerare tutti dei millantatori?”. Io stesso, di fronte a quello che dichiaro e rispondo non mi crederei tanto!
Sotto questo aspetto quest’ultima visita mi ha stimolato di piú ed ho deciso di fare da subito qualcosa di diverso. Voglio scrivere nei dettagli quei sintomi che durante l’anno mi fanno sentire invalido. Per me, per avere un quadro completo e formato con un’osservazione continua e non dall’urgenza di dare una risposta.

I vantaggi dell’invaliditá. Non neghiamolo recite e finzioni del punto precedente non ci sarebbero se non ci fossero vantaggi ad essere invalidi. Però penso che questi vantaggi siano apprezzabili solo da professionisti del vantaggio a fine personale o da chi veramente è in condizione di forte bisogno. La prima volta che mi è stata riconosciula mi sono chiesto “e ora? Che significa? Che ci faccio?”. La mia mente bacata da luoghi comuni pensava di ricevere una tessera da invalido da poter sventolare sui mezzi pubblici per sedermi nei posti riservati!
In reltà, visti i tempi di crisi speravo, e spree ancora, che questo status sposti su altri l’occhio dell’Ufficio del Personale in caso di tagli in azienda.
Ma altri vantaggi non ne vedevo. Parlo al passato perché solo dopo ho saputo, grazie al passaparola, di vantaggi oggettivi. Il primo (che in realtà non so se è vero) è che un anno da invalido conta come 14 mesi per la pensione: chissá che succederà, ma qualche mese prima, tra 13 anni potrà essere utile! Il terzo motivo l’ho saputo e ne ho goduto solo il secondo anno: tessera dei mezzi a prezzo ridotto, 50 euro invece che 250. Non so cosa preferire, se dover pagare per intero l’abbonamento e poter guidare quando voglio la macchina, o godere dello sconto e guidare solo con una persona che mi accompagna per sostituirmi in caso di dolori o fastidi forti; ci rifletterò. Forse ne potrò elencare un quarto: mi hanno detto che l’iscrizione all’università è gratuita: zero tasse Universitarie!
Mi chiedo: come fanno ad addannarsi a far carte false per ottenere una pensione o indennità di invalidità, di poche centinaia di euro, ha senso? Forse mi sfugge qualcosa…20131223-200743.jpg
Da un po’ che non scrivo di come sto, perché sto come al solito e non c’é nulla di cui scrivere. Ma nei giorni passati alcune cose mi hanno fatto riflettere ed ho cambiato idea.
Tra quello che ti insegna questa malattia ci sono i meandri burocratici che, di solito, sono conosciuti tramite i giornali o per sentito dire. Bene, percorrere questi meandri ora mi porta ogni anno a fare una visita di controllo all’INPS. È un automatismo innescato dalla diagnosi iniziale che mi attribuisce una percentuale di invaliditá, inizialmente per la malattia e poi per le conseguenze della cura chemioterapica, da riverificare periodicamente. Di fronte a queste visite di controllo non riesco a non pensare al film di Benigni, dove lui simula un’invaliditá agitando la mano ogni volta che incontra l’ispettore del ministero!

L’invaliditá, il riconoscimento dell’invaliditá e i vantaggi dell’invaliditá. Sono tre elementi su cui molti studiosi hanno sicuramente scritto e dibattuto a lungo, con maggior competenza del sottoscritto, ma su cui io non avevo, prima d’ora nessuna opinione o conoscenza personale.

L’invaliditá. Capisco ora quanto sia una cosa soggettiva. Prima associavo questa parola a chi, per menomazioni fisiche, nel pensiero comune e nel mio è considerato poveretto, sfortunato, infelice, in una frase “non valido quanto me“, appunto invalido. E proprio grazie a questo quanto me, soggettivo. Si perchè, senso comune a parte, indica una incapacitá rispetto ad uno stato normale, o meglio, allo stato che noi consideriamo normale. La differenza tra invaliditá e malattia la distinguiamo grazie alla durata o alla previsione di durata di questa incapacità; ecco che se un dolor di denti o di schiena, non ci permette di uscire di casa, è malattia perchè sappiamo che medicine o interventi la faranno passare in un lasso di tempo. Ma se, attorno ai quarant’anni, non riusciamo più a leggere come prima le etichette dei prodotti, abbiamo una delusione, ci consideriamo oramai invalidi, anche senza dirlo in modo esplicito, perchè sappiamo di avere perso per sempre quella capacità, e che non torneremo mai piú in quello stato iniziale.

Il riconoscimento dell’invaliditá. Questo non è un fatto che dipende da noi, ma da chi messo con noi a confronto, distingue una certa invalidità. È un riconoscimento che dipende dal concetto di invaliditá che hanno gli altri, non dal nostro. Ma qui è d’obbligo una distinzione: tale riconoscimento puo avvenire sulla base dell’idea di invaliditá soggettiva che ha l’altro, oppure sulla base di una invaliditá stabilita da norme e leggi. Qui mi voglio concentrare solo sul secondo caso, che poi è quello con cui mi confronto periodicamente con l’INPS. Bene, sebbene in prima battuta il concetto di invaliditá viene delineato secondo delle norme, viene definitivamente e formalmente riconosciuto solo dopo l’esame da parte di una commissione competente. La chiamo competente perché, secondo la mia esperienza, è composta da quattro persone tra cui, non so in che misura, ci sono sia medici che funzionari INPS.
Qui torno a Benigni e non invidio il lavoro della commissione. Loro in pratica accolgono e verificano una serie di domande di invalidità per i motivi piú differenti tra loro, quindi la loro competenza, che non puó essere approfondita ed aggiornata ad un livello dignostico in tutti i campi, deve essere tale da comprendere quanto scritto e riportato dai referti di esami e visite presentati in quel momento da ciascun paziente. Ma per un giudizio completo, la commissione si basa anche su verifiche dirette e su una modalità di intervista del paziente in cui si cerca di appurare in cosa consiste e come viene percepita la situazione di invaliditá. Ecco la Benigni-componente. Ogni volta io sono in imbarazzo nel sintetizzare e nel cercare di ricordarmi tutti i disagi o gli impedimenti che concretamente formano la mia situazione soggettiva di invaliditá. Attenzione, non è un imbarazzo per riservatezza a parlare di queste cose, ma lo è perché mi viene da ridere, sia pensando al film e sia pensando a quanti si presentano a queste occasioni fingendo o calcando, e comunque recitando, una situazione non reale. Tralasciamo i casi in cui membri compiacenti hanno certificato per ciechi, persone successivamente miracolate. In quel momento io penso “si, proprio questo signore che mi chiede di camminare sulle punte, a cui io sinceramente chiedo di non farlo perché mi fa molto male e quindi mi dice di provare sui talloni. Ma quanti teatranti avrá visto? E come fa a non ridere in quei casi? E come fa a non diventare prevenuto e considerare tutti dei millantatori?”. Io stesso, di fronte a quello che dichiaro e rispondo non mi crederei tanto!
Sotto questo aspetto quest’ultima visita mi ha stimolato di piú ed ho deciso di fare da subito qualcosa di diverso. Voglio scrivere nei dettagli quei sintomi che durante l’anno mi fanno sentire invalido. Per me, per avere un quadro completo e formato con un’osservazione continua e non dall’urgenza di dare una risposta.

I vantaggi dell’invaliditá. Non neghiamolo recite e finzioni del punto precedente non ci sarebbero se non ci fossero vantaggi ad essere invalidi. Però penso che questi vantaggi siano apprezzabili solo da professionisti del vantaggio a fine personale o da chi veramente è in condizione di forte bisogno. La prima volta che mi è stata riconosciula mi sono chiesto “e ora? Che significa? Che ci faccio?”. La mia mente bacata da luoghi comuni pensava di ricevere una tessera da invalido da poter sventolare sui mezzi pubblici per sedermi nei posti riservati!
In reltà, visti i tempi di crisi speravo, e spree ancora, che questo status sposti su altri l’occhio dell’Ufficio del Personale in caso di tagli in azienda.
Ma altri vantaggi non ne vedevo. Parlo al passato perché solo dopo ho saputo, grazie al passaparola, di vantaggi oggettivi. Il primo (che in realtà non so se è vero) è che un anno da invalido conta come 14 mesi per la pensione: chissá che succederà, ma qualche mese prima, tra 13 anni potrà essere utile! Il terzo motivo l’ho saputo e ne ho goduto solo il secondo anno: tessera dei mezzi a prezzo ridotto, 50 euro invece che 250. Non so cosa preferire, se dover pagare per intero l’abbonamento e poter guidare quando voglio la macchina, o godere dello sconto e guidare solo con una persona che mi accompagna per sostituirmi in caso di dolori o fastidi forti; ci rifletterò. Forse ne potrò elencare un quarto: mi hanno detto che l’iscrizione all’università è gratuita: zero tasse Universitarie!
Mi chiedo: come fanno ad addannarsi a far carte false per ottenere una pensione o indennità di invalidità, di poche centinaia di euro, ha senso? Forse mi sfugge qualcosa…

Caserta e Londra: facciamoci del male!

115657326-30072098-f641-4b4d-999d-29f1d7ed748d

A Trafalgar Square, il 26 Luglio di quest’anno, ci sono state molte polemiche quando è stata installata l’opera opera dell’artista tedesca Katharina Fritsch: un gallo blu alto cinque metri. Polemiche perché un’opera moderna, così dirompente e dissonante con l’architettura della piazza, era un’affronto alla bellezza? No, non erano polemiche come quelle sgarbiane alla ristrutturazione dell’ara pacis. Non erano polemiche che impedivano accostamenti di moderno (moderno? attuale) a quanto abbiamo ereditato. Sono state polemiche da parte di associazioni tradizionaliste che non hanno trovato opportuno l’accostamento del gallo, simbolo della Francia, con la vicina statua dell’Ammiraglio Nelson.

images A Caserta il Sindaco Pio Del Gaudio ha fatto  installare, all’ingresso della Reggia di Caserta, un corno rosso di tredici metri, dell’artista Lello Esposito. Mi sembra di aver capito che l’installazione è avvenuta questa settimana. Non sono capace di dire precisamente la data dell’installazione, perché da qualche parte se ne da notizia il 12 Dicembre come avvenuta, in altre il 13 Dicembre si riporta la notizia della futura rimozione ma null’altro, la maggior parte dei siti ne riporta la notizia in articoli non datati; insomma anche i siti dei nostri giornali rispecchiano un’approssimazione tutta Italica.

Ed anche qui ci sono state subito polemiche. Però le nostre polemiche sono state come al solito più di bottega e di parte che di sostanza, dando il via ad una rissa di esternazioni caotiche. Sovrintendenza, Italia Nostra, perfino l’UNESCO si sono espresse contrariamente sull’iniziativa. Per motivi di opportunità artistica, di permessi non dati, insomma rasentiamo le ripicche da riunione condominiale, dove ci si indigna e chi si azuffa senza mai fare nulla per l’intero condominio.

Ora io on so nulla d’arte, me entrambe sono, dichiaratamente, delle provocazioni. Il gallo di Katharina si chiama Cock, ossia un doppio senso dichiarato dall’autrice per rappresentare la vanesia mascolinità, che significa “maschio”, ma anche “cazzo”. E’ un’opera che indubbiamente rappresenta un “uccello” e che ha suscitato molta ilarità, grazie a questi doppi sensi, durante il discorso del sindaco nell’inaugurazione. Il corno è un richiamo alla tipica scaramanzia partenopea e s’intitola “Good Luck Caserta”, ma non sono nemmeno riuscito a trovare sul web se il sindaco abbia fatto un discorso o almeno presenziato alla sua inaugurazione. Come semplice spettatore, senza sapere i significati attribuiti dagli autori, posso dire che il gallo è bello, mentre il corno si capisce che è un corno perché sta in Campania; se fosse stato installato a Cosenza sembrava un peperoncino, o se lo si dipinge di arancio sembra una carota. Non lo nego come opera non mi piace. Ma non è un motivo per non doverla mettere lì, è un motivo di gusto personale.

Invece motivo per non metterla lì sono altri. Non sono riuscito a capire quanto è costato a Londra l’uccello blu, ma il corno è costato 70mila euro, di cui solo 10mila sono andati all’autore. Ora a Londra non ci sono strade con le buche, i trasporti funzionano, anzi a breve avranno al metropolitana aperta 24 ore: sindaco Pio i 60mila euro spesi oltre alla cifra dell’autore come sono stati spesi? Possibile per il trasporto dell’opera? Nemmeno i più delicati supercomputer richiedono tanto. E poi pensa che per Caserta era la spesa più utile? Non mi venga a cantare la vecchia canzone del “abbiamo fatto mettere i riflettori su Caserta“, ci credono solo gli ingenui a risposte così vaghe e non verificabili. Se fossero ritornelli veri almeno i commercianti Casertani dovrebbero essere entusiasti all’unisono; invece Mario D’Anna, presidente Ascom Confcommercio dice al Mattino di Napoli: «Il valore dell’arte non si commenta, quella del corno come quella che due anni fa accese le luci d’autore sulla facciata della Reggia. In entrambi i casi, però, ho reputato controproducente accendere i riflettori su una piazza degradata, dove il richiamo dell’arte viene inficiato dallo squallore del contesto». Capito? Controproducente è il risultato dei suoi 60+10mila euro spesi. D’accordo sono fondi POR (Programmi Operativi Regionali) dati dalla Regione Campania, non si potevano utilizzare per attività di tipo ordinario, ma un’idea migliore, o perlomeno concordata con rappresentanze del territorio, no?

Che buffo, noto ora che il nome del sindaco italiano è il verso che fa il pulcino. Che abbia voluto, in piccolo ed in modo infantile, rifare il verso al sindaco di Londra con il suo gallo?

PS sono stanco, non mi va di proseguire nelle ricerche ma sarebbe simpatico confrontare come i 340 dipendenti di cui 180 (53%) amministrativi e 160 custodi non riescono ad evitare che all’interno ci scorrazzino i motorini, rispetto al numero di dipendenti della National Gallery Ma questo è un tema più generale, non solo di Caserta. E’ la domanda a cui nessuno risponde: Cosa è il lavoro?

Il Regno del CucuThe Cucu Kingdom

Re Kikko

Re Kikko (a WalBof daw)

Il regno del Cucu era un bel posto. Un paese pieno di bella gente, con dei luoghi incantevoli. Chi non ci viveva voleva andarci, almeno una volta nella vita, per passare un po’ di tempo al caldo delle sue spiagge o a passeggiare per le sue maestose montagne, ma anche solo per gustare i piatti prelibati che sapientemente sapevano cucinare i locandieri del regno del Cucu.
Questo paese era regnato da un Re bravissimo: Re Kikko. Salito al trono da piccolo perché suo padre, il Re Cocco, era deceduto improvvisamente in una partita di caccia. Da anni, nel Regno del Cucu, si parla di questa storia, che poi è l’unica storia triste accaduta da anni. Re Cocco era andato nel bosco con suo fratello, il Principe Zucco’, ed ovviamente circa duecento servi; lì aveva visto una lepre grossa, grossa ed le era andato dietro con il cavallo addentrandosi molto nel bosco. Dopo un po’, non vedendolo tornare, il Principe Zucco’, iniziò a chiamarlo, sempre più forte, sempre più forte. Tango forte che anche i circa duecento servi che li accompagnavano andarono verso di lui e lo aiutarono, prima a chiamare Re Cocco, poi a cercarlo bella foresta. Fu trovato sotto un tronco che, cedendo, aveva travolto lui ed il suo cavallo.
il Principe Kikko una volta salito al trono, benché avesse compiuto da poco i venti anni, si fece subito benvolere per i suoi modi, la sua imparzialità ed il modo giusto di amministrare il regno. Giá amato dal popolo da bambino, fu adorato come padre del popolo. Certo per far fronte ai tutti i suoi compiti si faceva aiutare dal Gran Consiglio di Saggi, che si occupava principalmente del buon andamento del regno, portando al cospetto del Re solo le questioni più urgenti o le più intricate. Anche il Gran Consiglio era fatto di persone benvolute dal popolo che, come il Re vantavano un comportamento irreprensibile e nessun peccato. Si perché Re Kikko era talmente buono e bravo che non faceva mai un’offesa a nessuno e si comportava in modo retto ed esemplare. Ugualmente era il Gran Consiglio: probo e senza macchia. Oddio proprio senza senza non si poteva dire. Ma non erano peccati cosí evidenti al cospetto del Re, né per la vita del popolo. Capitava che, durante le sedute, qualche consigliere si mettesse le dita nel naso. Si, appunto, una cosa da poco, poi lo facevano bene, senza che il Re li vedesse, e si pulivano subito per non lasciare traccia alcuna di quella debolezza.
Insomma, a parte questo il Regno del Cucu era un posto meraviglioso.

E’ un dispiacere

Ho letto questo articolo che racconta, ancora una volta, una storia di azienda che si rimpiccioliscono, si ristrutturano vendendo rami e settori; ma troppo spesso gli acquirenti sono, per essere forzatamente educati, inadatti, con poche idee e con un’unica capacità: quella di indebitarsi. Sempre più spesso aree industriali diventano scheletri abbandonati a testimonianza di errori e fallimenti che troppi dimenticano.

Tutto a scapito di chi con quei rami e settori ci vive.

Pensieri sul “ROI dell’Amore”

ROI significa Return Of Investment, misura in quanto tempo i benefici economici di un investimento eguagliano l’importo investito. Serve per misurare l’efficacia di un investimento e per poter decidere, tra due o più, quale convenga fare. È un termine economico ben preciso che sembra stonare affiancato alla parola amore.

Invece Domitilla Ferrari in un suo intervento all’internet festival 2013, dal titolo Il ROI dell’amore li affianca in modo provocatorio. In poche pagine racchiude una serie di consigli per “una comunicazione (online, offline, in ogni luogo) più sincera” perché, sintetizza, “Il mio tempo voglio passarlo solo con chi se lo merita. E a fare cose belle“. Leggendo il materiale dell’intervento, ho apprezzato immediatamente due meriti notevoli: quello di affrontare il tema dei contenuti della comunicazione sul web, e una semplicità unita ad una concretezza di espressione che mi ha affascinato. Quindi ho letto e riletto queste pagine perché, da una parte si è accesa la mia curiosità, ma dall’altra, non lo nascondo, volevo essere capace di copiare quello stile incisivo. Non sono un genio, ma apprezzo la distinzione che fa Picasso con la frase “I mediocri imitano, i geni copiano“, nobilitando un’arte che non viene insegnata da nessuno, ma che ho sviluppato in anni di compiti in classe.

Nel mio percorso, in un primo momento, ero d’accordo su tutto. Ma rileggendo si sono accavallate riflessioni ed osservazioni che hanno dato corpo ad altre opinioni, anche differenti, che mi hanno fatto divagare su altri temi in modo, come al solito, disordinato. Ho deciso di dar loro ordine e di fissare i punti utili ad altre divagazioni. Vi avviso, non ero presente all’intervento di Domitilla, ho solo letto il materiale; quindi questi pensieri non sono né una critica né un giudizio di un lavoro che potrei non aver capito. Piuttosto ne sono la conseguenza e l’espressione del segno che quel lavoro ha lasciato su di me.

Cosa ti aspetti dagli altri? Reciprocità. – sembra strano, parlando di comunicazione, partire da qui. Ma trovo giusto che queste aspettative siano chiare e abbiano attenzione. Ed è la reciprocitá, secondo Domitilla, l’aspettativa alla base di una comunicazione sincera. Mi sembra bello ed auspicabile e lo é quanto piú la comunicazione è personale, nel senso che viene da una persona. Non personale in quanto comunicazione di cose intime. Mi è chiarissimo sul lavoro: io cerco di parlare come persona, come professionista; perché voglio parlare a professionisti e voglio sentire il loro parere. A volte invece devo parlare in modo impersonale per veicolare comunicazioni aziendali, in quel caso mi aspetto di ricevere, e capire, le posizioni delle aziende rappresentate da quei professionisti.

Quanto amore ricevi (non sempre) dipende da quanto dai.  Qui ho un’opinione drasticamente diversa. Quanto amore ricevi dipende sempre da quanto ne dai: solo che non è direttamente proporzionale. Se io non amo nessuno, comunque sarò attorniato da persone che mi possono amare o meno. Se esistono quelli che mi amano, lo fanno anche a dispetto del mio comportamento; lo fanno nel più puro dei modi: gratuitamente perché non ne ricevono da me. Questi continueranno ad amarmi. Invece chi non mi ama, se io cambiassi atteggiamento, potrebbe fare altrettanto ed iniziare ad amarmi anche lui. Insomma penso che dare più amore non possa che farcene avere di più, ma non in misura uguale o correlata.

PS divagazioni insidiose: ma cos’è l’amore? Esiste un unico tipo di amore o ce ne sono più d’uno? Allora qui di che amore si parla? Io ho sempre pensato a tre tipi d’amore. Uno è quello verso i figli: è un amore animale, quasi chimico. Non è detto ci sia sempre tra genitore e figlio, né che sia sempre reciproco; è più immediato tra madre e figlio; è istintivo. Un’altro è quello di coppia: è un fuoco. Come tale può nascere da una scintilla, improvvisamente; oppure accendersi pian piano, avviando la combustione prima da una parte poi dall’altra. Comunque deve essere alimentato. Non credo a chi dice che un amore nella coppia è finito: o non era amore, non è mai partito; i due assaporavano il calore di uno scaldino elettrico, ma non hanno mai visto la fiamma. Oppure si è spento per mancanza di legna; in questo caso si farebbe bene a cercare tra i rami dei motivi che avevano fatto accendere la fiamma se c’è ancora legna buona, o se possiamo usarne di differente. Ho molti amici che, dopo anni passati ad accendere fuochi con alcool o benzina su legna a casaccio, ora guardano un mucchio di ceneri chiedendosi perché. Il terzo amore è raro, universale; è l’amore per gli altri. Non lo so delineare bene, anche questo va coltivato e fatto crescere; vede gli altri al centro delle nostre attenzioni, in modo gratuito, senza alcun ritorno. È uno degli elementi di un’amicizia. Ma non so come si debba coltivarlo, io ho solo un modo per verificarlo: mi domando “per chi lo faccio?”. Per intenderci, le dame dei circoli di carità di fine ottocento quando, sedute attorno ad un thé, preparavano la pesca di beneficenza, mettevano se stesse e la bella figura che facevano come risposta alla mia domanda.

Quanto amore dai ti rende una persona migliore – Ho conosciuto persone che non la pensano così. Anzi, considerano il fatto di dare amore una debolezza, tendendo a relazionarsi con gli altri in modo autoritario o altezzoso. Quasi sempre persone insicure nel loro intimo, che hanno ricevuto poco amore. Spero sempre, per loro, che abbiano la fortuna di assaporare gli effetti dell’amore oppure la fortuna di non rendersi mai conto di cosa si perdono.

Dopo iniziano i dieci consigli di Domitilla sul tema.

1-Condividi interessi, ma prima coltiva interessi – Questo è vero nella vita; da sempre. Lo stiamo scordando. Con alcuni amici parliamo spesso dei social network e di come vengono frequentati dai ragazzi; molti di loro li vedono come cose negative che non aiutano a sviluppare una reale capacità di socializzazione; io stesso vengo considerato come un seguace-sacerdote di una prospettiva futura che non piace e che è considerata alienante. Una volta ho fatto un gioco; in una delle nostre cene ho ascoltato con attenzione i discorsi tra noi, ho isolato i contenuti di una socialitá reale e per questo considerata accettabile. Bene per tre ore si è parlato di cosa ha fatto tizio, di quello che è capitato a caio, di dove ha traslocato sempronio, ecc. Nessuno, dico nessuno, tra una decina di, quasi o over, cinquantenni ha parlato di una realizzazione, un fatto, un’emozione sua! Alla fine ho ripreso l’attenzione ponendo la domanda:”di cosa si è parlato?”, tutti sono stati concordi nel dire: “di noi, delle nostre cose”. Domitilla, su questo non posso che essere d’accordo, sia per il mondo del web che per quello reale.

2-Siamo vasi comunicanti – Condividi conoscenza e conoscenze Si, non ricordo chi ha detto “se ho un pezzo di pane e lo condivido io avró meno pane e ciascuno ne avrà metà. Se ho un’idea e la condivido, ciascuno avrà un’idea”. Sicuramente bello, forse in ambito lavorativo non è adatto se preso alla lettera.

3-Dai valore al tempo, sii snob, impara a dire di noTempo e no, quante divagazioni! Una frase così non può che essere di stimolo, ma non la condivido nella sua sinteticitá. Il tempo, secondo me, è la materia prima, o meglio la nuova ricchezza su cui si basa la nuova societá che sostituirá la morente societá industriale. Quest’ultima vedeva la sua materia prima nella forza lavoro, ma queste sono riflessioni che mi portano lontanissimo e meritano un’altro spazio. Dico lontanissimo perché oltre a questa osservazione, divago pensando al fatto che oggi il tempo lo vedo come un problema sempre più ristretto a societá ricche, mentre altri miliardi di individui hanno nella fame o nel fuggire dalle guerre la gran parte della loro attenzione. In qualche modo penso che sia anche una conseguenza che negli ultimi cinquant’anni, per la prima volta dall’impero Romano, non ci sono state guerre nell’Europa occidentale. Invece non penso che l’attenzione delle persone sia sul dire di no o di si. Penso siano falsi problemi. Perché si vuole imparare a dire di no? Perché con troppi si, affoghiamo e non concludiamo nulla? Allora impariamo a dire un si responsabile, un si che ci espone e ci impegna di persona per la sua realizzazione. Perché si vuole imparare a dire di si? Perché i no di continuo ci isolano e ci rendono burberi e imbronciati come bambini capricciosi? Allora impariamo a dire un no che sia una nostra scelta vera, non un’argine a quello che ci viene proposto/imposto. Insomma penso che il nodo sia nel coltivare e far crescere la nostra capacitá di scelta e di saper assumerci le responsabilità dei nostri si e no. Per dirla differentemente: dire di no per dar valore al tempo mi sembra una comoda alternativa a dire un no circonstanziato.

4-Dai valore al tempo degli altri, impara a dire noi – Altri, noi? Penso che “noi” sia una parola pericolosa con una doppia accezione. Penso anche che gli ultimi decenni si sono basati molto sulla confusione tra le due. Se siamo due o tre attorno ad un argomento o un’attivitá, il “noi” può essere messo al centro per unirci ed identificare il gruppo che ha il comune obiettivo o interesse. Ma se, alle stesse due o tre persone il noi lo mettiamo intorno diventa confine e baluardo per separarci e proteggerci dal “voi” è dagli altri. Andate ad una riunione di condominio e pensate al noi, dov’è? Al centro di tutti i condomini che dividono, dormono, vivono, piangono sotto lo stesso tetto, oppure a difesa di quelli che vogliono il riscaldamento dalle 14 alle 22 contro quelli che lo vogliono dalle 18 alle 24?
Il valore al tempo degli altri è rispetto, sensibilitá, attenzione. Non è un esercizio inutile.

Non vado oltre, per ora, nelle mie osservazioni; rischia di diventare un romanzo. Leggetevi il materiale di Domitilla, ne riparliamo alla prossima. 

ROI significa Return Of Investment, misura in quanto tempo i benefici economici di un investimento eguagliano l’importo investito. Serve per misurare l’efficacia di un investimento e per poter decidere, tra due o più, quale convenga fare. È un termine economico ben preciso che sembra stonare affiancato alla parola amore. 

Invece Domitilla Ferrari in un suo intervento all’internet festival 2013, dal titolo Il ROI dell’amore li affianca in modo provocatorio. In poche pagine racchiude una serie di consigli per “una comunicazione (online, offline, in ogni luogo) più sincera” perché, sintetizza, “Il mio tempo voglio passarlo solo con chi se lo merita. E a fare cose belle“. Leggendo il materiale dell’intervento, ho apprezzato immediatamente due meriti notevoli: quello di affrontare il tema dei contenuti della comunicazione sul web, e una semplicità unita ad una concretezza di espressione che mi ha affascinato. Quindi ho letto e riletto queste pagine perché, da una parte si è accesa la mia curiosità, ma dall’altra, non lo nascondo, volevo essere capace di copiare quello stile incisivo. Non sono un genio, ma apprezzo la distinzione che fa Picasso con la frase “I mediocri imitano, i geni copiano“, nobilitando un’arte che non viene insegnata da nessuno, ma che ho sviluppato in anni di compiti in classe.

Nel mio percorso, in un primo momento, ero d’accordo su tutto. Ma rileggendo si sono accavallate riflessioni ed osservazioni che hanno dato corpo ad altre opinioni, anche differenti, che mi hanno fatto divagare su altri temi in modo, come al solito, disordinato. Ho deciso di dar loro ordine e di fissare i punti utili ad altre divagazioni. Vi avviso, non ero presente all’intervento di Domitilla, ho solo letto il materiale; quindi questi pensieri non sono né una critica né un giudizio di un lavoro che potrei non aver capito. Piuttosto ne sono la conseguenza e l’espressione del segno che quel lavoro ha lasciato su di me.

Cosa ti aspetti dagli altri? Reciprocità. – sembra strano, parlando di comunicazione, partire da qui. Ma trovo giusto che queste aspettative siano chiare e abbiano attenzione. Ed è la reciprocitá, secondo Domitilla, l’aspettativa alla base di una comunicazione sincera. Mi sembra bello ed auspicabile e lo é quanto piú la comunicazione è personale, nel senso che viene da una persona. Non personale in quanto comunicazione di cose intime. Mi è chiarissimo sul lavoro: io cerco di parlare come persona, come professionista; perché voglio parlare a professionisti e voglio sentire il loro parere. A volte invece devo parlare in modo impersonale per veicolare comunicazioni aziendali, in quel caso mi aspetto di ricevere, e capire, le posizioni delle aziende rappresentate da quei professionisti.

Quanto amore ricevi (non sempre) dipende da quanto dai –.  Qui ho un’opinione drasticamente diversa. Quanto amore ricevi dipende sempre da quanto ne dai: solo che non è direttamente proporzionale. Se io non amo nessuno, comunque sarò attorniato da persone che mi possono amare o meno. Se esistono quelli che mi amano, lo fanno anche a dispetto del mio comportamento; lo fanno nel più puro dei modi: gratuitamente perché non ne ricevono da me. Questi continueranno ad amarmi. Invece chi non mi ama, se io cambiassi atteggiamento, potrebbe fare altrettanto ed iniziare ad amarmi anche lui. Insomma penso che dare più amore non possa che farcene avere di più, ma non in misura uguale o correlata. 

PS divagazioni insidiose: ma cos’è l’amore? Esiste un unico tipo di amore o ce ne sono più d’uno? Allora qui di che amore si parla? Io ho sempre pensato a tre tipi d’amore. Uno è quello verso i figli: è un amore animale, quasi chimico. Non è detto ci sia sempre tra genitore e figlio, né che sia sempre reciproco; è più immediato tra madre e figlio; è istintivo. Un’altro è quello di coppia: è un fuoco. Come tale può nascere da una scintilla, improvvisamente; oppure accendersi pian piano, avviando la combustione prima da una parte poi dall’altra. Comunque deve essere alimentato. Non credo a chi dice che un amore nella coppia è finito: o non era amore, non è mai partito; i due assaporavano il calore di uno scaldino elettrico, ma non hanno mai visto la fiamma. Oppure si è spento per mancanza di legna; in questo caso si farebbe bene a cercare tra i rami dei motivi che avevano fatto accendere la fiamma se c’è ancora legna buona, o se possiamo usarne di differente. Ho molti amici che, dopo anni passati ad accendere fuochi con alcool o benzina su legna a casaccio, ora guardano un mucchio di ceneri chiedendosi perché. Il terzo amore è raro, universale; è l’amore per gli altri. Non lo so delineare bene, anche questo va coltivato e fatto crescere; vede gli altri al centro delle nostre attenzioni, in modo gratuito, senza alcun ritorno. È uno degli elementi di un’amicizia. Ma non so come si debba coltivarlo, io ho solo un modo per verificarlo: mi domando “per chi lo faccio?”. Per intenderci, le dame dei circoli di carità di fine ottocento quando, sedute attorno ad un thé, preparavano la pesca di beneficenza, mettevano se stesse e la bella figura che facevano come risposta alla mia domanda.

Quanto amore dai ti rende una persona migliore. Ho conosciuto persone che non la pensano così. Anzi, considerano il fatto di dare amore una debolezza, tendendo a relazionarsi con gli altri in modo autoritario o altezzoso. Quasi sempre persone insicure nel loro intimo, che hanno ricevuto poco amore. Spero sempre, per loro, che abbiano la fortuna di assaporare gli effetti dell’amore oppure la fortuna di non rendersi mai conto di cosa si perdono.

Dopo iniziano i dieci consigli di Domitilla sul tema.

1-Condividi interessi, ma prima coltiva interessi. Questo è vero nella vita; da sempre. Lo stiamo scordando. Con alcuni amici parliamo spesso dei social network e di come vengono frequentati dai ragazzi; molti di loro li vedono come cose negative che non aiutano a sviluppare una reale capacità di socializzazione; io stesso vengo considerato come un seguace-sacerdote di una prospettiva futura che non piace e che è considerata alienante. Una volta ho fatto un gioco; in una delle nostre cene ho ascoltato con attenzione i discorsi tra noi, ho isolato i contenuti di una socialitá reale e per questo considerata accettabile. Bene per tre ore si è parlato di cosa ha fatto tizio, di quello che è capitato a caio, di dove ha traslocato sempronio, ecc. Nessuno, dico nessuno, tra una decina di, quasi o over, cinquantenni ha parlato di una realizzazione, un fatto, un’emozione sua! Alla fine ho ripreso l’attenzione ponendo la domanda:”di cosa si è parlato?”, tutti sono stati concordi nel dire: “di noi, delle nostre cose”. Domitilla, su questo non posso che essere d’accordo, sia per il mondo del web che per quello reale.

2-Siamo vasi comunicanti. Condividi conoscenza e conoscenze Si, non ricordo chi ha detto “se ho un pezzo di pane e lo condivido io avró meno pane e ciascuno ne avrà metà. Se ho un’idea e la condivido, ciascuno avrà un’idea”. Sicuramente bello, forse in ambito lavorativo non è adatto se preso alla lettera.

3-Dai valore al tempo, sii snob, impara a dire di no. Tempo e no, quante divagazioni! Una frase così non può che essere di stimolo, ma non la condivido nella sua sinteticitá. Il tempo, secondo me, è la materia prima, o meglio la nuova ricchezza su cui si basa la nuova societá che sostituirá la morente societá industriale. Quest’ultima vedeva la sua materia prima nella forza lavoro, ma queste sono riflessioni che mi portano lontanissimo e meritano un’altro spazio. Dico lontanissimo perché oltre a questa osservazione, divago pensando al fatto che oggi il tempo lo vedo come un problema sempre più ristretto a societá ricche, mentre altri miliardi di individui hanno nella fame o nel fuggire dalle guerre la gran parte della loro attenzione. In qualche modo penso che sia anche una conseguenza che negli ultimi cinquant’anni, per la prima volta dall’impero Romano, non ci sono state guerre nell’Europa occidentale. Invece non penso che l’attenzione delle persone sia sul dire di no o di si. Penso siano falsi problemi. Perché si vuole imparare a dire di no? Perché con troppi si, affoghiamo e non concludiamo nulla? Allora impariamo a dire un si responsabile, un si che ci espone e ci impegna di persona per la sua realizzazione. Perché si vuole imparare a dire di si? Perché i no di continuo ci isolano e ci rendono burberi e imbronciati come bambini capricciosi? Allora impariamo a dire un no che sia una nostra scelta vera, non un’argine a quello che ci viene proposto/imposto. Insomma penso che il nodo sia nel coltivare e far crescere la nostra capacitá di scelta e di saper assumerci le responsabilità dei nostri si e no. Per dirla differentemente: dire di no per dar valore al tempo mi sembra una comoda alternativa a dire un no circonstanziato.

3-Dai valore al tempo degli altri, impara a dire noi. Altri, noi? Penso che “noi” sia una parola pericolosa con una doppia accezione. Penso anche che gli ultimi decenni si sono basati molto sulla confusione tra le due. Se siamo due o tre attorno ad un argomento o un’attivitá, il “noi” può essere messo al centro per unirci ed identificare il gruppo che ha il comune obiettivo o interesse. Ma se, alle stesse due o tre persone il noi lo mettiamo intorno diventa confine e baluardo per separarci e proteggerci dal “voi” è dagli altri. Andate ad una riunione di condominio e pensate al noi, dov’è? Al centro di tutti i condomini che dividono, dormono, vivono, piangono sotto lo stesso tetto, oppure a difesa di quelli che vogliono il riscaldamento dalle 14 alle 22 contro quelli che lo vogliono dalle 18 alle 24?
Il valore al tempo degli altri è rispetto, sensibilitá, attenzione. Non è un esercizio inutile.

Non vado oltre, per ora, nelle mie osservazioni; rischia di diventare un romanzo. Leggetevi il materiale di Domitilla, ne riparliamo.

VitaDigitale nella metro

Metroroma Linea A

Metroroma Linea A by vidierre

Anche oggi in ufficio con la metro, solo posto in piedi. Davanti a me una ragazza, che quando la vedi non ti viene certo in mente l’aggettivo alto. In piedi alla mia sinistra, una signora con un impermeabile legge un libro. L’autunno è una stagione strana e quest’anno ancor di più, la mattina l’abbigliamento ti dice cosa faranno. Il ragazzo in maglietta torna a casa per pranzo, il signore in giacca e cravatta va in ufficio; poi ce n’è un’altro che sopra la giacca porta un gilè imbottito leggero, forse dopo il lavoro si attarderà per un aperitivo o andrà a cena fuori.

Seduto alla destra della ragazza c’è un ragazzo; jeans, felpa grigia con cappuccio calata sulle spalle, maglietta sformata che lascia intravedere una parte di un grosso tatuaggio sulla schiena. Berretto rosso con visiera nera, da cui escono i due fili bianchi che fanno pensare ad un collegamento diretto del cervello con il suo Apple-device bianco con una cover rossa dove spicca la scritta bianca Campari. Il mio cervello immagina. Immagina che quel collegamento non serve a far salire i suoni e i ritmi che rallegrano la sua vita, rendendo meno grigio il mondo che frequenta. Invece il dispositivo nelle sue mani contiene una mistura di una droga segreta che lo mantiene in vita, creata dallo sponsor della sua cover, lo rende inconsapevole schiavo della stessa. È una sostanza che fa pronunciare automaticamente “Un Negroni”, quando un agente segreto, generalmente vestito di nero con una fascia in vita, gli chiede “che prendi?”.

“Signora, prego.”, dice la ragazza alzandosi, “non mi ero accorta!”.
“No, no non si preoccupi, non c’é bisogno”
“Ma no, no, sieda”
“Non è lei che deve alzarsi”, dice la signora con l’impermeabile mentre, convinta, si siede. È nel sedersi che si aggiusta l’impermeabile e solo allora vedo quello che aveva notato la ragazza: la signora è incinta. Il viaggio prosegue. Lei, pressata dalla folla, con una mano regge il suo trolley e l’altra allungata verso l’alto riesce appena ad aggrapparsi con tre dita ed evitare di cadere.

Il ragazzo resta assorto, assorbito dalla trasfusione della sostanza misteriosa, non si accorge di quello che accade. Il fluido che entra nel cervello gli impedisce di attivarsi, di fare un gesto; anzi sembra che l’effetto del breve scambio di battute, e di posto, sia solo quello di farlo diventare più impietrito assente. Anche se i suoi occhi incrociano i movimenti della ragazza, al limite della caduta, è evidente che il cervello non è più in grado di elaborarne i segnali ricevuti. Non agisce, non può più agire. Forse crescerá, invecchierá, ma oramai il suo cervello è destinato a rispondere solo agli stimoli delle sostanze misteriose, trasportate da quei fili bianchi, spruzzate negli occhi da quegli schermi luminosi.

Il ragazzo è solo uno di quei morti viventi che si aggirano per il paese, che non reagiscono alla realtà che li circonda, che non incidono sulla realtà che li circonda.

Metroroma Linea A

Metroroma Linea A

Anche oggi in ufficio con la metro, solo posto in piedi. Davanti a me una ragazza, che quando la vedi non ti viene certo in mente l’aggettivo alto. In piedi alla mia sinistra, una signora con un impermeabile legge un libro. L’autunno è una stagione strana e quest’anno ancor di più, la mattina l’abbigliamento ti dice cosa faranno. Il ragazzo in maglietta torna a casa per pranzo, il signore in giacca e cravatta va in ufficio; poi ce n’è un’altro che sopra la giacca porta un gilè imbottito leggero, forse dopo il lavoro si attarderà per un aperitivo o andrà a cena fuori.

Seduto alla destra della ragazza c’è un ragazzo; jeans, felpa grigia con cappuccio calata sulle spalle, maglietta sformata che lascia intravedere una parte di un grosso tatuaggio sulla schiena. Berretto rosso con visiera nera, da cui escono i due fili bianchi che fanno pensare ad un collegamento diretto del cervello con il suo Apple-device bianco con una cover rossa dove spicca la scritta bianca Campari. Il mio cervello immagina. Immagina che quel collegamento non serve a far salire i suoni e i ritmi che rallegrano la sua vita, rendendo meno grigio il mondo che frequenta. Invece il dispositivo nelle sue mani contiene una mistura di una droga segreta che lo mantiene in vita, creata dallo sponsor della sua cover, lo rende inconsapevole schiavo della stessa. È una sostanza che fa pronunciare automaticamente “Un Negroni”, quando un agente segreto, generalmente vestito di nero con una fascia in vita, gli chiede “che prendi?”.

“Signora, prego.”, dice la ragazza alzandosi, “non mi ero accorta!”.
“No, no non si preoccupi, non c’é bisogno”
“Ma no, no, sieda”
“Non è lei che deve alzarsi”, dice la signora con l’impermeabile mentre, convinta, si siede. È nel sedersi che si aggiusta l’impermeabile e solo allora vedo quello che aveva notato la ragazza: la signora è incinta. Il viaggio prosegue. Lei, pressata dalla folla, con una mano regge il suo trolley e l’altra allungata verso l’alto riesce appena ad aggrapparsi con tre dita ed evitare di cadere.

Il ragazzo resta assorto, assorbito dalla trasfusione della sostanza misteriosa, non si accorge di quello che accade. Il fluido che entra nel cervello gli impedisce di attivarsi, di fare un gesto; anzi sembra che l’effetto del breve scambio di battute, e di posto, sia solo quello di farlo diventare più impietrito assente. Anche se i suoi occhi incrociano i movimenti della ragazza, al limite della caduta, è evidente che il cervello non è più in grado di elaborarne i segnali ricevuti. Non agisce, non può più agire. Forse crescerá, invecchierá, ma oramai il suo cervello è destinato a rispondere solo agli stimoli delle sostanze misteriose, trasportate da quei fili bianchi, spruzzate negli occhi da quegli schermi luminosi.

Il ragazzo è solo uno di quei morti viventi che si aggirano per il paese, che non reagiscono alla realtà che li circonda, che non incidono sulla realtà che li circonda.

Merkel spiata: tanto furba o tanto scema? Mi fa ricorrere agli insegnamenti di Andreotti.

Oslo - Opera House

Oslo – Opera House

Tutte le polemiche di questi giorni mi farebbero venire i capelli dritti, se li avessi. L’inizio della riunione del Consiglio Europeo è stato monopolizzato dalle risonanze delle dichiarazioni della Merkel e dalla sua ferma indignazione. Per cosa? Per essere stata intercettata nelle telefonate fatte con il suo telefono, un Capo di Stato intercettato segretamente dai suoi stessi alleati, una cosa inaccettabile! E di che Stato, la potente e virtuosa Germania. A seguire, chi piú chi meno, anche gli altri capi di stato hanno fatto quadrato in questa indignazione, trasformandola in una compatta e decisa reazione.
Quello che mi viene da pensare è: ma ci prendono per fessi o sono loro i fessi? In ogni caso è un europeo segno del degrado e della meschinitá della classe governante.
Finito lo sfogo, faccio ordine a pensieri e considerazioni, che vengono spontanee dopo quello che ho sentito e visto nei media.
Che i vari servizi degli stati si spiano uno con l’altro, amci o nemici, é una cosa risaputa da sempre. Ma in questo caso é una cosa pubblica da quando, sotto la presidenza Bush, dopo l’undici Settembre, gli Stati Uniti hanno approvato e messo in pista le nuove leggi sulla sicurezza. Leggi che permettono le agenzie Statunitensi di spiare e violare la privacy dei cittadini e dei sistemi tecnologici.
DOMANDE: in quel momento dov’era l’indignazione della Merkel? Era offuscata dalla sua ingenuitá (e quella dei suoi servizi di sicurezza che non l’hanno avvisata) sulla portata di tale azione? Era davvero convinta che reti di comunicazione e di dati siano inviolabili o non sapeva, quello che un professionista dell’IT ha detto che sanno tutti gli esperti del settore al telegiornale di Sky: la privacy sulle reti non esiste, basta avere i mezzi per violarla.

La signora é stata spiata sul telefono che usa da quando era una semplice militante del suo partito, un telefono normale. Ma questa ingenuitá non la commette nemmeno un camorrista di basso livello, i telefoni cifrati sono una misura minima per un capo di stato.
DOMANDA: signora, le é mai venuto in mente che su un telefono normale anche i suoi avversari plitici la possono ascoltare?

Se i suoi servizi segreti non l’hanno informata, puó farselo spiegare semplicemente da uno dei tanti investigatori privati che in Italia fanno affari spiando i figli di genitori ricchi e preoccupati o i coniugi di ipotetici cornuti. I suoi eventuali problemi di lingua, sono certo che verranno risolti, in Italia, da professionisti del settore esperti, e capaci di spiegarglielo anche in Tedesco.

Poi il fatto di essere spiati lo sapevamo giá da un paio di settimane, come mai Cancelliera, solo ora tutta questa indignazione? Il suo entourage è italicamente in arretrato nel leggere le rassegne stampa? Ma in realtá non credo che la Cancelliera Merkel sia cosí ingenua. Ricordo sempre la frase di Andreotti: “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”. Allora torno alla precedente domanda: come mai solo ora tutta questa indignazione e determinazione? Come mai mette la questione, con questo impeto e d’improvviso, dopo aver sentito Obama al telefono (lo ha usato uno buono questa volta?), sul tavolo del Consiglio d’Europa?

Non sará per liberare quel tavolo dalla questione dell’immigrazione? Non sará per nascondere la mancanza di altrettanta determinazione sulla questione dei confini Europei? Giornali e TV avevano dato ampio spazio alle intenzioni Italiane di affrontare il tema. Il tema è semplice. L’Europa ci riprende perché la legge Bossi-Fini è dura con gli emigranti e noi che siamo Europa la dobbiamo cambiare. Ma non siamo piú Europa (secondo alcuni ministri tedeschi la questione degli sbarchi é un fatto interno italiano) quando si tratta di accollarsi le conseguenze economiche di un’accoglienza umana dei rifugiati.
Signora Merkel, tanto lo so che qualcuno dei suoi, pagaro per controllare, legge questo articolo. Ci risponda, cosa pensa dei confini dell’Europa? Quali sono? Lampedusa é dentro o fuori? Vuole mandare le navi tedesche a pattugliare i mari ai confini del Sud di quell’Europa che vuole comandare a bacchetta?

PS le mando un link se si vuole comprare un telefono criptato. così le energie le impiega per chi soffre veramente…Tutte le polemiche di questi giorni mi farebbero venire i capelli dritti, se li avessi. L’inizio della riunione del Consiglio Europeo è stato monopolizzato dalle risonanze delle dichiarazioni della Merkel e dalla sua ferma indignazione. Per cosa? Per essere stata intercettata nelle telefonate fatte con il suo telefono, un Capo di Stato intercettato segretamente dai suoi stessi alleati, una cosa inaccettabile! E di che Stato, la potente e virtuosa Germania. A seguire, chi piú chi meno, anche gli altri capi di stato hanno fatto quadrato in questa indignazione, trasformandola in una compatta e decisa reazione.
Quello che mi viene da pensare è: ma ci prendono per fessi o sono loro i fessi? In ogni caso è un europeo segno del degrado e della meschinitá della classe governante.
Finito lo sfogo, faccio ordine a pensieri e considerazioni, che vengono spontanee dopo quello che ho sentito e visto nei media.
Che i vari servizi degli stati si spiano uno con l’altro, amci o nemici, é una cosa risaputa da sempre. Ma in questo caso é una cosa pubblica da quando, sotto la presidenza Bush, dopo l’undici Settembre, gli Stati Uniti hanno approvato e messo in pista le nuove leggi sulla sicurezza. Leggi che permettono le agenzie Statunitensi di spiare e violare la privacy dei cittadini e dei sistemi tecnologici.
DOMANDE: in quel momento dov’era l’indignazione della Merkel? Era offuscata dalla sua ingenuitá (e quella dei suoi servizi di sicurezza che non l’hanno avvisata) sulla portata di tale azione? Era davvero convinta che reti di comunicazione e di dati siano inviolabili o non sapeva, quello che un professionista dell’IT ha detto che sanno tutti gli esperti del settore al telegiornale di Sky: la privacy sulle reti non esiste, basta avere i mezzi per violarla.

La signora é stata spiata sul telefono che usa da quando era una semplice militante del suo partito, un telefono normale. Ma questa ingenuitá non la commette nemmeno un camorrista di basso livello, i telefoni cifrati sono una misura minima per un capo di stato.
DOMANDA: signora, le é mai venuto in mente che su un telefono normale anche i suoi avversari plitici la possono ascoltare?

Se i suoi servizi segreti non l’hanno informata, puó farselo spiegare semplicemente da uno dei tanti investigatori privati che in Italia fanno affari spiando i figli di genitori ricchi e preoccupati o i coniugi di ipotetici cornuti. I suoi eventuali problemi di lingua, sono certo che verranno risolti, in Italia, da professionisti del settore esperti, e capaci di spiegarglielo anche in Tedesco.

Poi il fatto di essere spiati lo sapevamo giá da un paio di settimane, come mai Cancelliera, solo ora tutta questa indignazione? Il suo entourage è italicamente in arretrato nel leggere le rassegne stampa? Ma in realtá non credo che la Cancelliera Merkel sia cosí ingenua. Ricordo sempre la frase di Andreotti: “A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”. Allora torno alla precedente domanda: come mai solo ora tutta questa indignazione e determinazione? Come mai mette la questione, con questo impeto e d’improvviso, dopo aver sentito Obama al telefono (lo ha usato uno buono questa volta?), sul tavolo del Consiglio d’Europa?

Non sará per liberare quel tavolo dalla questione dell’immigrazione? Non sará per nascondere la mancanza di altrettanta determinazione sulla questione dei confini Europei? Giornali e TV avevano dato ampio spazio alle intenzioni Italiane di affrontare il tema. Il tema è semplice. L’Europa ci riprende perché la legge Bossi-Fini è dura con gli emigranti e noi che siamo Europa la dobbiamo cambiare. Ma non siamo piú Europa (secondo alcuni ministri tedeschi la questione degli sbarchi é un fatto interno italiano) quando si tratta di accollarsi le conseguenze economiche di un’accoglienza umana dei rifugiati.
Signora Merkel, tanto lo so che qualcuno dei suoi, pagaro per controllare, legge questo articolo. Ci risponda, cosa pensa dei confini dell’Europa? Quali sono? Lampedusa é dentro o fuori? Vuole mandare le navi tedesche a pattugliare i mari ai confini del Sud di quell’Europa che vuole comandare a bacchetta?

PS le mando un link

I miei piccoli segni

Spiaggia dei Cuticchi

Riserva del Monte Cofano – Spiaggia dei Cuticchi

Gli abiti, la pettinatura, le scarpe; ma anche l’andatura, la posizione e l’espressione del volto, il tono della voce e le parole usate, sono tutti segni che danno forma alla prima impressione su di noi. Sono anche i segni che mandiamo al mondo per dire a tutti “ecco io sono così”. Sono segni che sappiamo modificare ed adattare, per cambiare a nostro piacere il messaggio “ecco io sono così”. Lo cambiamo a seconda del nostro umore, del posto in cui siamo o dell’impressione che vogliamo dare. Le nostre carte da giocare nella partita delle relazioni, carte con cui sappiamo bluffare abilmente.

Ma come tanti bluff, dopo alcuni giri di carte vengono scoperti, così i nostri segni vengono messi in ombra da altri segni che mostrano aspetti più genuini di noi. Nel quotidiano, al lavoro, a scuola, a casa, lasciamo dei segni che rappresentano le tracce della nostra esistenza vera senza finzioni e senza schermi. Non più un messaggio diretto che dice “ecco io sono così” e che arriva prima di essere conosciuti, ma un residuo del nostro passaggio che dice “sono proprio io questo qui”, “questo identifica la mia presenza”.

Ecco che piccoli ed insignificanti residui della nostra esistenza, formano un’impressione di noi, nelle persone che frequentiamo ogni giorno, più vera, più nuda. Residui veramente insignificanti se presi isolati, ma giudici inflessibili di come siamo, quando sono collegati a noi. Quindi il tubetto di dentifricio non chiuso, il cassetto aperto, la maglia lasciata sulla sedia, la risposta secca, i patti abbandonati sul tavolo, non aggiungere “per favore” alla richiesta fatta, non salutare; di per sé non sono un dramma, ma ripetuti ogni giorno, fatti trovare di continuo, come gli odori lasciati dai cani per marcare il territorio, diventano “noi” agli occhi degli altri.

Dicono “chi è stato qui, se ne frega di me”, “qui è passato lui/lei”. Sul lavoro creano i gruppi o isolano le persone. In famiglia alimentano (inutilmente o meno, dipende dai casi) i contrasti e le discussioni. Nelle coppie, alla lunga, diventano oggetto di discussioni e scintille per innescare litigi. Contrasti e liti che sembrano farse se analizzati isolatamente; che io sappia nessuno è morto, si é ferito o è andato in rovina per un tappo di dentifricio non chiuso. Ma sono benzina per il fuoco delle incomprensioni.

Ecco, io penso che in questi casi, se gli attriti non nascondono cause o ferite più profonde, non si può non agire sui due fronti. Chi schizza come un gatto i propri odori deve dare, anzi darsi, la risposta onesta a queste domande: “è così che voglio essere?”, “voglio veramente dire questo a le persone che mi circondano?”. E non prendiamoci in giro con la risposta sbrigativa e infantile “si”: è un comodo nascondiglio. In questo caso dobbiamo dire “si, perché …..”, dove il perché deve essere veramente convincente e formare una linea di azione. Noi e solo noi siamo gli autisti della nostra vita, non sono ammesse distrazioni.

Chi trova le nostre tracce invece ha molte scelte. Può farcelo notare, perché sa che siamo migliori rispetto a quello che dicono i segni che distrattamente lasciamo in giro. Può farcelo notare in modo ossessivo, ed è una richiesta di attenzioni. Può notarlo, porre rimedio e sorridere pensando che è il segno della vicinanza della persona amata. Può ignorarlo; ma non illudiamoci, non per questo quei piccoli segni smetteranno di dire al mondo come siamo veramente.Gli abiti, la pettinatura, le scarpe; ma anche l’andatura, la posizione e l’espressione del volto, il tono della voce e le parole usate, sono tutti segni che danno forma alla prima impressione su di noi. Sono anche i segni che mandiamo al mondo per dire a tutti “ecco io sono così”. Sono segni che sappiamo modificare ed adattare, per cambiare a nostro piacere il messaggio “ecco io sono così”. Lo cambiamo a seconda del nostro umore, del posto in cui siamo o dell’impressione che vogliamo dare. Le nostre carte da giocare nella partita delle relazioni, carte con cui sappiamo bluffare abilmente.

Ma come tanti bluff, dopo alcuni giri di carte vengono scoperti, così i nostri segni vengono messi in ombra da altri segni che mostrano aspetti più genuini di noi. Nel quotidiano, al lavoro, a scuola, a casa, lasciamo dei segni che rappresentano le tracce della nostra esistenza vera senza finzioni e senza schermi. Non più un messaggio diretto che dice “ecco io sono così” e che arriva prima di essere conosciuti, ma un residuo del nostro passaggio che dice “sono proprio io questo qui”, “questo identifica la mia presenza”.

Ecco che piccoli ed insignificanti residui della nostra esistenza, formano un’impressione di noi, nelle persone che frequentiamo ogni giorno, più vera, più nuda. Residui veramente insignificanti se presi isolati, ma giudici inflessibili di come siamo, quando sono collegati a noi. Quindi il tubetto di dentifricio non chiuso, il cassetto aperto, la maglia lasciata sulla sedia, la risposta secca, i patti abbandonati sul tavolo, non aggiungere “per favore” alla richiesta fatta, non salutare; di per sé non sono un dramma, ma ripetuti ogni giorno, fatti trovare di continuo, come gli odori lasciati dai cani per marcare il territorio, diventano “noi” agli occhi degli altri.

Dicono “chi è stato qui, se ne frega di me”, “qui è passato lui/lei”. Sul lavoro creano i gruppi o isolano le persone. In famiglia alimentano (inutilmente o meno, dipende dai casi) i contrasti e le discussioni. Nelle coppie, alla lunga, diventano oggetto di discussioni e scintille per innescare litigi. Contrasti e liti che sembrano farse se analizzati isolatamente; che io sappia nessuno è morto, si é ferito o è andato in rovina per un tappo di dentifricio non chiuso. Ma sono benzina per il fuoco delle incomprensioni.

Ecco, io penso che in questi casi, se gli attriti non nascondono cause o ferite più profonde, non si può non agire sui due fronti. Chi schizza come un gatto i propri odori deve dare, anzi darsi, la risposta onesta a queste domande: “è così che voglio essere?”, “voglio veramente dire questo a le persone che mi circondano?”. E non prendiamoci in giro con la risposta sbrigativa e infantile “si”: è un comodo nascondiglio. In questo caso dobbiamo dire “si, perché …..”, dove il perché deve essere veramente convincente e formare una linea di azione. Noi e solo noi siamo gli autisti della nostra vita, non sono ammesse distrazioni.

Chi trova le nostre tracce invece ha molte scelte. Può farcelo notare, perché sa che siamo migliori rispetto a quello che dicono i segni che distrattamente lasciamo in giro. Può farcelo notare in modo ossessivo, ed è una richiesta di attenzioni. Può notarlo, porre rimedio e sorridere pensando che è il segno della vicinanza della persona amata. Può ignorarlo; ma non illudiamoci, non per questo quei piccoli segni smetteranno di dire al mondo come siamo veramente.

Che lei è il vigile di quartiere? (2/2)

20131013-200750.jpg
Dalle finestre di casa mia si vede gran parte della piazza; al centro ci sono le rovine del Tempio di Elio Callisto che un tempo erano il perno di un senso rotatorio fatto di quattro lati, in cui fluiva il traffico. In due lati la strada era più larga e le auto sul marciapiede ed in doppia fila riempivano lo spazio non strettamente necessario alla circolazione. Poi, in qualche ufficio Municipale qualcuno, penso colto da malore, ha avuto un’idea buona: chiudere uno dei due lati larghi e farne un’area pedonale con panchine ed alberi. Ma non solo: l’idea dalle carte della burocrazia, con tempi non proprio fulminei, è stata portata a termine. Ora dalle finestre vedo (e sento) lo schiamazzare di bambini che giocano, corrono sui pattini e in bicicletta, osservati dai genitori comodamente seduti. La piazza è nuova hanno rifatto i passaggi pedonali e ci sono anche i percorsi per i non vedenti. Le strade sono larghe lo stretto necessario per far passare i veicoli e le macchine, tranne che i pochi spazi previsti, non parcheggiano più nella piazza.

Tempo fa proprio sopra un passaggio pedonale era parcheggiata una Fiat Cinquecento L bianca con il tetto nero. Parcheggiada da un bel po’. Ad un certo punto un papà, dalla parte pedonale ha attraversato con il figlio ed ha aperto la macchina.
Un signore gli ha detto:
– Guardi che li c’è un passaggio pedonale, non si può lasciare la macchina.
– Si lo so, ma lo messa qui solo da cinque minuti ora vado via!
– No scusi, sono qui da un’ora e la macchina era già li quando sono arrivato.
Ha precisato il signore, sentitosi preso in giro.
– E che lei è il vigile di quartiere?
Ha concluso il papà, entrando in macchina con il bambino. Ha messo in moto ed è andato via.

Devo fare i miei complimenti allo sconosciuto signore che ha ripreso il papà della Cinquecento L. L’individualismo e il pensare solo ai fatti propri, di questi tempi, non sono proprio il concime per comportamenti simili.
Invece il papà della Cinquecento è il risultato di giorni passati in poltrona al telecomando, di una vita costruita attorno a tanti parcheggi sulle strisce per stare più comodo e sentirsi padrone del mondo. Ma ormai è prigioniero della sua sfera, costruita attorno alla falsa tranquillità e alla continuo tentativo di evitare sforzi e fatica. Purtroppo chi ne farà le spese, più delle persone che incontra, sarà quel bambino salito sulla Cinquecento: crescerà senza essere capace di grandi conquiste e il confine delle sue aspirazioni sarà uno schermo, da dove le potrà vedere realizzate da altri, ignorando il suono dell’allarme della sua macchina parcheggiata al posto riservato agli invalidi.

Che lei è il vigile di quartiere? (1/2)

20131002-120950.jpgLa televisione propone tutti i giorni programmi e notiziari che non richiedono uno sforzo per l’ascolto. Si possono seguire per ore, e nessun Auditel è in grado di misurare quanti telespettatori siano svegli davanti al programma selezionato, o quanto questo migliori o contribuisca alla vita delle persone che lo guardano. Si perché di sicuro ci influenza, ma non necessariamente in modo positivo; ci influenza occupando il nostro tempo, facendo scivolare la mente in uno stato di apparente rilassamento, facendoci rinviare a domani quelle piccole incombenze che appesantiscono il bagaglio con l’etichetta “devo fare anche questo”.

Ci culla, senza chiederci sforzi, in una sfera personale fatta di svago, informazione preconfezionata e cronaca. Una sfera che, nel tempo, si trasforma da rifugio di relax in limite della nostra personalità. Si perché questa dimensione “personale” diventa familiare e la si fa propria mantenendola anche nei comportamenti quotidiani. Quindi l'”io” diventa stile di vita e di comportamento annullando qualsiasi altra cosa. “Io non accendo le luci di giorno, perché mi sembra un’idiozia”, “io non ho un buon servizio con le tasse che pago”, “io chiudo il balcone, così ho più spazio”, “io non pago il canone RAI perché non é giusto”.

Azioni, scelte e comportamenti che basano, spesso su un giusto motivo, le nostre azioni sbagliate. Diventiamo dei rivoluzionari pigri, fieri della nostra piccola disobbedienza, gratificati dai vantaggi che ci porta senza nessuno sforzo. Sforzo, è questa una delle attività di cui dobbiamo riappropriarci. Come? Per rimettere in moto la nostra mente e le nostre capacità, proviamo ad istituire a casa, nella nostra famiglia, ma anche se viviamo soli, il giorno del silenzio televisio. Una volta a settimana, ogni due od ogni mese, sarà un giorno in cui, rimaniamo a casa lasciando scuro e muto quel quadro girevole che di solito ci immobilizza sul divano.

Non importa decidere un’attività alternativa. Guardatevi attorno, raccontatevi la giornata, anche le idiozie; leggete un libro o il giornale, accendete la musica, innaffiate le piante e levate le foglie brutte, fatevi insegnare un gioco. Ma senza televisione e una volta decisa ripetete l’appuntamento una, due, tante volte.20131002-093121.jpg
La televisione propone tutti i giorni programmi e notiziari che non richiedono uno sforzo per l’ascolto. Si possono seguire per ore, e nessun Auditel è in grado di misurare quanti telespettatori siano svegli davanti al programma selezionato, o quanto questo migliori o contribuisca alla vita delle persone che lo guardano. Si perché di sicuro ci influenza, ma non necessariamente in modo positivo; ci influenza occupando il nostro tempo, facendo scivolare la mente in uno stato di apparente rilasamento, facendoci rinviare a domani quelle piccole incombenze che appesantiscono il bagaglio con l’etichetta “devo fare anche questo”.

Ci culla, senza chiederci sforzi, in una sfera personale fatta di svago, informazione preconfezionata e cronaca. Una sfera che, nel tempo, si trasforma da rifugio di relax in limite della nostra personalità. Si perché questa dimensione “personale” diventa familiare e la si fa propria mantenendola anche nei comportamenti quotidiani. Quindi l'”io” diventa stile di vita e di comportamento annullando qualsiasi altra cosa. “Io non accendo le luci di giorno, perché mi sembra un’idiozia”, “io non ho un buon servizio con le tasse che pago”, “io chiudo il balcone, così ho più spazio”, “io non pago il canone RAI perché non é giusto”.

Azioni, scelte e comportamenti che basano, spesso su un giusto motivo, le nostre azioni sbagliate. Diventiamo dei rivoluzionari pigri, fieri della nostra piccola disobbedienza, gratificati dai vantaggi che ci porta senza nessuno sforzo. Sforzo, è questa una delle attività di cui dobbiamo riappropriarci. Come? Per rimettere in moto la nostra mente e le nostre capacità, proviamo ad istituire a casa, nella nostra famiglia, ma anche se viviamo soli, il giorno del silenzio televisio. Una volta a settimana, ogni due od ogni mese, sarà un giorno in cui, rimaniamo a casa lasciando scuro e muto quel quadro girevole che di solito ci immobilizza sul divano.

Non importa decidere un’attività alternativa. Guardatevi attorno, raccontatevi la giornata, anche le idiozie; leggete un libro o il giornale, accendete la musica, innaffiate le piante e levate le foglie brutte, fatevi insegnare un gioco. Ma senza televisione e una volta decisa ripetete l’appuntamento una, due, tante volte.