Auguri, festivitá e Facebook

20131226-165239.jpg
È il periodo in cui si mandano gli auguri alle persone care, agli amici, ai familiari. In tutti i modi e di tutti itipi. Come spesso accade da qualche anno, uno degli argomenti che riempie il tempo passato a tavola sono gli auguri su Facebook. Quest’anno ho visto tracce di queste discussioni su facebook stessa. Il centro del dibattito è quanto siano personali o meno questi messaggi. “ma non era meglio quando non si aveva facebook, si avevano sì meno amici, ma quei pochi erano veri, non virtuali e si aveva così il tempo di contattarli personalmente?“, “erano meglio i tempi di carta e penna dove si scrivevano meno sciocchezze e più sentimenti“, “tanti amici online, ma pochi a cui tieni veramente“.

L’età dei sostenitori di queste tesi In genenere è a due cifre ed inizia con un numero più grande di quattro. La mia inizia con il cinque e sono tra quelli che a casa avevano un solo telefono, nero di bachelite, in duplex con il vicino. La linea duplex si faceva per pagare meno ed era condivisa con un’altro appartamento. Si pagava di meno, ma si poteva telefonare solo uno alla volta. Il risultato era che se stavi al telefono più del tempo necessario per trasmettere un dispaccio militare, il vicino bussava alla parete per avere libero il telefono. Se poi ignoravi questi avvertimenti usciva, veniva alla tua porta e si attaccava al campanello. In quegli anni è vero, gli auguri si facevano per scritto, con le cartoline di Natale. Se ne mandavano comunque ad amici, parenti e improbabili conoscenti. Il mio compito era quello di firmare, scrivere gli indirizzi sulle buste, imbustare ed attaccare il francobollo. Sinceramente ho imbustato anche allora auguri per destinatari mai visti o clienti del negozio di mamma a cui si doveva contraccambiare. Insomma non penso che la differenza del mezzo renda gli auguri più o meno sentiti. Allora, per anni abbiamo mandato auguri a persone di cui non sapevamo nulla; oggi nel più lontano dei casi mando gli auguri a chi a condiviso con me Candy Crush o Guerra di Bande (mi sa che non esiste più su facebook, tanto per rendere l’idea).

Poi non ho ricevuto mai una risposta affermativa, dai critici dei Social Network, alla domanda “ma visto che la pensi cosí, allora te quest’anno hai mandato gli auguri con le cartoline?“. Insomma la realtá è che oggi, come trenta, quaranta anni fa, le persone invecchiando tirano fuori il ritornello “era meglio ai tempi miei”, ma mentendo a se stessi: perché non vorrebbero ritornare a quei tempi perché migliori, ma per nostalgia della loro giovinezza che solo in quei tempi ha potuto vivere.
In fondo mi dispiace per loro, non sono scontenti di Facebook sono scontenti di come sono o stanno invecchiando. Peccato.20131226-165239.jpg
È il periodo in cui si mandano gli auguri alle persone care, agli amici, ai familiari. In tutti i modi e di tutti itipi. Come spesso accade da qualche anno, uno degli argomenti che riempie il tempo passato a tavola sono gli auguri su Facebook. Quest’anno ho visto tracce di queste discussioni su facebook stessa. Il centro del dibattito è quanto siano personali o meno questi messaggi. “ma non era meglio quando non si aveva facebook, si avevano sì meno amici, ma quei pochi erano veri, non virtuali e si aveva così il tempo di contattarli personalmente?“, “erano meglio i tempi di carta e penna dove si scrivevano meno sciocchezze e più sentimenti“, “tanti amici online, ma pochi a cui tieni veramente“.

L’età dei sostenitori di queste tesi In genenere è a due cifre ed inizia con un numero più grande di quattro. La mia inizia con il cinque e sono tra quelli che a casa avevano un solo telefono, nero di bachelite, in duplex con il vicino. La linea duplex si faceva per pagare meno ed era condivisa con un’altro appartamento. Si pagava di meno, ma si poteva telefonare solo uno alla volta. Il risultato era che se stavi al telefono più del tempo necessario per trasmettere un dispaccio militare, il vicino bussava alla parete per avere libero il telefono. Se poi ignoravi questi avvertimenti usciva, veniva alla tua porta e si attaccava al campanello. In quegli anni è vero, gli auguri si facevano per scritto, con le cartoline di Natale. Se ne mandavano comunque ad amici, parenti e improbabili conoscenti. Il mio compito era quello di firmare, scrivere gli indirizzi sulle buste, imbustare ed attaccare il francobollo. Sinceramente ho imbustato anche allora auguri per destinatari mai visti o clienti del negozio di mamma a cui si doveva contraccambiare. Insomma non penso che la differenza del mezzo renda gli auguri più o meno sentiti. Allora, per anni abbiamo mandato auguri a persone di cui non sapevamo nulla; oggi nel più lontano dei casi mando gli auguri a chi a condiviso con me Candy Crush o Guerra di Bande (mi sa che non esiste più su facebook, tanto per rendere l’idea).

Poi non ho ricevuto mai una risposta affermativa, dai critici dei Social Network, alla domanda “ma visto che la pensi cosí, allora te quest’anno hai mandato gli auguri con le cartoline?“. Insomma la realtá è che oggi, come trenta, quaranta anni fa, le persone invecchiando tirano fuori il ritornello “era meglio ai tempi miei”, ma mentendo a se stessi: perché non vorrebbero ritornare a quei tempi perché migliori, ma per nostalgia della loro giovinezza che solo in quei tempi ha potuto vivere.
In fondo mi dispiace per loro, non sono scontenti di Facebook sono scontenti di come sono o stanno invecchiando. Peccato.

Si ricomincia Starting again

20131223-200743.jpg

Da un po’ che non scrivo di come sto, perché sto come al solito e non c’é nulla di cui scrivere. Ma nei giorni passati alcune cose mi hanno fatto riflettere ed ho cambiato idea.
Tra quello che ti insegna questa malattia ci sono i meandri burocratici che, di solito, sono conosciuti tramite i giornali o per sentito dire. Bene, percorrere questi meandri ora mi porta ogni anno a fare una visita di controllo all’INPS. È un automatismo innescato dalla diagnosi iniziale che mi attribuisce una percentuale di invaliditá, inizialmente per la malattia e poi per le conseguenze della cura chemioterapica, da riverificare periodicamente. Di fronte a queste visite di controllo non riesco a non pensare al film di Benigni, dove lui simula un’invaliditá agitando la mano ogni volta che incontra l’ispettore del ministero!

L’invaliditá, il riconoscimento dell’invaliditá e i vantaggi dell’invaliditá. Sono tre elementi su cui molti studiosi hanno sicuramente scritto e dibattuto a lungo, con maggior competenza del sottoscritto, ma su cui io non avevo, prima d’ora nessuna opinione o conoscenza personale.

L’invaliditá. Capisco ora quanto sia una cosa soggettiva. Prima associavo questa parola a chi, per menomazioni fisiche, nel pensiero comune e nel mio è considerato poveretto, sfortunato, infelice, in una frase “non valido quanto me“, appunto invalido. E proprio grazie a questo quanto me, soggettivo. Si perchè, senso comune a parte, indica una incapacitá rispetto ad uno stato normale, o meglio, allo stato che noi consideriamo normale. La differenza tra invaliditá e malattia la distinguiamo grazie alla durata o alla previsione di durata di questa incapacità; ecco che se un dolor di denti o di schiena, non ci permette di uscire di casa, è malattia perchè sappiamo che medicine o interventi la faranno passare in un lasso di tempo. Ma se, attorno ai quarant’anni, non riusciamo più a leggere come prima le etichette dei prodotti, abbiamo una delusione, ci consideriamo oramai invalidi, anche senza dirlo in modo esplicito, perchè sappiamo di avere perso per sempre quella capacità, e che non torneremo mai piú in quello stato iniziale.

Il riconoscimento dell’invaliditá. Questo non è un fatto che dipende da noi, ma da chi messo con noi a confronto, distingue una certa invalidità. È un riconoscimento che dipende dal concetto di invaliditá che hanno gli altri, non dal nostro. Ma qui è d’obbligo una distinzione: tale riconoscimento puo avvenire sulla base dell’idea di invaliditá soggettiva che ha l’altro, oppure sulla base di una invaliditá stabilita da norme e leggi. Qui mi voglio concentrare solo sul secondo caso, che poi è quello con cui mi confronto periodicamente con l’INPS. Bene, sebbene in prima battuta il concetto di invaliditá viene delineato secondo delle norme, viene definitivamente e formalmente riconosciuto solo dopo l’esame da parte di una commissione competente. La chiamo competente perché, secondo la mia esperienza, è composta da quattro persone tra cui, non so in che misura, ci sono sia medici che funzionari INPS.
Qui torno a Benigni e non invidio il lavoro della commissione. Loro in pratica accolgono e verificano una serie di domande di invalidità per i motivi piú differenti tra loro, quindi la loro competenza, che non puó essere approfondita ed aggiornata ad un livello dignostico in tutti i campi, deve essere tale da comprendere quanto scritto e riportato dai referti di esami e visite presentati in quel momento da ciascun paziente. Ma per un giudizio completo, la commissione si basa anche su verifiche dirette e su una modalità di intervista del paziente in cui si cerca di appurare in cosa consiste e come viene percepita la situazione di invaliditá. Ecco la Benigni-componente. Ogni volta io sono in imbarazzo nel sintetizzare e nel cercare di ricordarmi tutti i disagi o gli impedimenti che concretamente formano la mia situazione soggettiva di invaliditá. Attenzione, non è un imbarazzo per riservatezza a parlare di queste cose, ma lo è perché mi viene da ridere, sia pensando al film e sia pensando a quanti si presentano a queste occasioni fingendo o calcando, e comunque recitando, una situazione non reale. Tralasciamo i casi in cui membri compiacenti hanno certificato per ciechi, persone successivamente miracolate. In quel momento io penso “si, proprio questo signore che mi chiede di camminare sulle punte, a cui io sinceramente chiedo di non farlo perché mi fa molto male e quindi mi dice di provare sui talloni. Ma quanti teatranti avrá visto? E come fa a non ridere in quei casi? E come fa a non diventare prevenuto e considerare tutti dei millantatori?”. Io stesso, di fronte a quello che dichiaro e rispondo non mi crederei tanto!
Sotto questo aspetto quest’ultima visita mi ha stimolato di piú ed ho deciso di fare da subito qualcosa di diverso. Voglio scrivere nei dettagli quei sintomi che durante l’anno mi fanno sentire invalido. Per me, per avere un quadro completo e formato con un’osservazione continua e non dall’urgenza di dare una risposta.

I vantaggi dell’invaliditá. Non neghiamolo recite e finzioni del punto precedente non ci sarebbero se non ci fossero vantaggi ad essere invalidi. Però penso che questi vantaggi siano apprezzabili solo da professionisti del vantaggio a fine personale o da chi veramente è in condizione di forte bisogno. La prima volta che mi è stata riconosciula mi sono chiesto “e ora? Che significa? Che ci faccio?”. La mia mente bacata da luoghi comuni pensava di ricevere una tessera da invalido da poter sventolare sui mezzi pubblici per sedermi nei posti riservati!
In reltà, visti i tempi di crisi speravo, e spree ancora, che questo status sposti su altri l’occhio dell’Ufficio del Personale in caso di tagli in azienda.
Ma altri vantaggi non ne vedevo. Parlo al passato perché solo dopo ho saputo, grazie al passaparola, di vantaggi oggettivi. Il primo (che in realtà non so se è vero) è che un anno da invalido conta come 14 mesi per la pensione: chissá che succederà, ma qualche mese prima, tra 13 anni potrà essere utile! Il terzo motivo l’ho saputo e ne ho goduto solo il secondo anno: tessera dei mezzi a prezzo ridotto, 50 euro invece che 250. Non so cosa preferire, se dover pagare per intero l’abbonamento e poter guidare quando voglio la macchina, o godere dello sconto e guidare solo con una persona che mi accompagna per sostituirmi in caso di dolori o fastidi forti; ci rifletterò. Forse ne potrò elencare un quarto: mi hanno detto che l’iscrizione all’università è gratuita: zero tasse Universitarie!
Mi chiedo: come fanno ad addannarsi a far carte false per ottenere una pensione o indennità di invalidità, di poche centinaia di euro, ha senso? Forse mi sfugge qualcosa…20131223-200743.jpg
Da un po’ che non scrivo di come sto, perché sto come al solito e non c’é nulla di cui scrivere. Ma nei giorni passati alcune cose mi hanno fatto riflettere ed ho cambiato idea.
Tra quello che ti insegna questa malattia ci sono i meandri burocratici che, di solito, sono conosciuti tramite i giornali o per sentito dire. Bene, percorrere questi meandri ora mi porta ogni anno a fare una visita di controllo all’INPS. È un automatismo innescato dalla diagnosi iniziale che mi attribuisce una percentuale di invaliditá, inizialmente per la malattia e poi per le conseguenze della cura chemioterapica, da riverificare periodicamente. Di fronte a queste visite di controllo non riesco a non pensare al film di Benigni, dove lui simula un’invaliditá agitando la mano ogni volta che incontra l’ispettore del ministero!

L’invaliditá, il riconoscimento dell’invaliditá e i vantaggi dell’invaliditá. Sono tre elementi su cui molti studiosi hanno sicuramente scritto e dibattuto a lungo, con maggior competenza del sottoscritto, ma su cui io non avevo, prima d’ora nessuna opinione o conoscenza personale.

L’invaliditá. Capisco ora quanto sia una cosa soggettiva. Prima associavo questa parola a chi, per menomazioni fisiche, nel pensiero comune e nel mio è considerato poveretto, sfortunato, infelice, in una frase “non valido quanto me“, appunto invalido. E proprio grazie a questo quanto me, soggettivo. Si perchè, senso comune a parte, indica una incapacitá rispetto ad uno stato normale, o meglio, allo stato che noi consideriamo normale. La differenza tra invaliditá e malattia la distinguiamo grazie alla durata o alla previsione di durata di questa incapacità; ecco che se un dolor di denti o di schiena, non ci permette di uscire di casa, è malattia perchè sappiamo che medicine o interventi la faranno passare in un lasso di tempo. Ma se, attorno ai quarant’anni, non riusciamo più a leggere come prima le etichette dei prodotti, abbiamo una delusione, ci consideriamo oramai invalidi, anche senza dirlo in modo esplicito, perchè sappiamo di avere perso per sempre quella capacità, e che non torneremo mai piú in quello stato iniziale.

Il riconoscimento dell’invaliditá. Questo non è un fatto che dipende da noi, ma da chi messo con noi a confronto, distingue una certa invalidità. È un riconoscimento che dipende dal concetto di invaliditá che hanno gli altri, non dal nostro. Ma qui è d’obbligo una distinzione: tale riconoscimento puo avvenire sulla base dell’idea di invaliditá soggettiva che ha l’altro, oppure sulla base di una invaliditá stabilita da norme e leggi. Qui mi voglio concentrare solo sul secondo caso, che poi è quello con cui mi confronto periodicamente con l’INPS. Bene, sebbene in prima battuta il concetto di invaliditá viene delineato secondo delle norme, viene definitivamente e formalmente riconosciuto solo dopo l’esame da parte di una commissione competente. La chiamo competente perché, secondo la mia esperienza, è composta da quattro persone tra cui, non so in che misura, ci sono sia medici che funzionari INPS.
Qui torno a Benigni e non invidio il lavoro della commissione. Loro in pratica accolgono e verificano una serie di domande di invalidità per i motivi piú differenti tra loro, quindi la loro competenza, che non puó essere approfondita ed aggiornata ad un livello dignostico in tutti i campi, deve essere tale da comprendere quanto scritto e riportato dai referti di esami e visite presentati in quel momento da ciascun paziente. Ma per un giudizio completo, la commissione si basa anche su verifiche dirette e su una modalità di intervista del paziente in cui si cerca di appurare in cosa consiste e come viene percepita la situazione di invaliditá. Ecco la Benigni-componente. Ogni volta io sono in imbarazzo nel sintetizzare e nel cercare di ricordarmi tutti i disagi o gli impedimenti che concretamente formano la mia situazione soggettiva di invaliditá. Attenzione, non è un imbarazzo per riservatezza a parlare di queste cose, ma lo è perché mi viene da ridere, sia pensando al film e sia pensando a quanti si presentano a queste occasioni fingendo o calcando, e comunque recitando, una situazione non reale. Tralasciamo i casi in cui membri compiacenti hanno certificato per ciechi, persone successivamente miracolate. In quel momento io penso “si, proprio questo signore che mi chiede di camminare sulle punte, a cui io sinceramente chiedo di non farlo perché mi fa molto male e quindi mi dice di provare sui talloni. Ma quanti teatranti avrá visto? E come fa a non ridere in quei casi? E come fa a non diventare prevenuto e considerare tutti dei millantatori?”. Io stesso, di fronte a quello che dichiaro e rispondo non mi crederei tanto!
Sotto questo aspetto quest’ultima visita mi ha stimolato di piú ed ho deciso di fare da subito qualcosa di diverso. Voglio scrivere nei dettagli quei sintomi che durante l’anno mi fanno sentire invalido. Per me, per avere un quadro completo e formato con un’osservazione continua e non dall’urgenza di dare una risposta.

I vantaggi dell’invaliditá. Non neghiamolo recite e finzioni del punto precedente non ci sarebbero se non ci fossero vantaggi ad essere invalidi. Però penso che questi vantaggi siano apprezzabili solo da professionisti del vantaggio a fine personale o da chi veramente è in condizione di forte bisogno. La prima volta che mi è stata riconosciula mi sono chiesto “e ora? Che significa? Che ci faccio?”. La mia mente bacata da luoghi comuni pensava di ricevere una tessera da invalido da poter sventolare sui mezzi pubblici per sedermi nei posti riservati!
In reltà, visti i tempi di crisi speravo, e spree ancora, che questo status sposti su altri l’occhio dell’Ufficio del Personale in caso di tagli in azienda.
Ma altri vantaggi non ne vedevo. Parlo al passato perché solo dopo ho saputo, grazie al passaparola, di vantaggi oggettivi. Il primo (che in realtà non so se è vero) è che un anno da invalido conta come 14 mesi per la pensione: chissá che succederà, ma qualche mese prima, tra 13 anni potrà essere utile! Il terzo motivo l’ho saputo e ne ho goduto solo il secondo anno: tessera dei mezzi a prezzo ridotto, 50 euro invece che 250. Non so cosa preferire, se dover pagare per intero l’abbonamento e poter guidare quando voglio la macchina, o godere dello sconto e guidare solo con una persona che mi accompagna per sostituirmi in caso di dolori o fastidi forti; ci rifletterò. Forse ne potrò elencare un quarto: mi hanno detto che l’iscrizione all’università è gratuita: zero tasse Universitarie!
Mi chiedo: come fanno ad addannarsi a far carte false per ottenere una pensione o indennità di invalidità, di poche centinaia di euro, ha senso? Forse mi sfugge qualcosa…

I miei piccoli segni

Spiaggia dei Cuticchi

Riserva del Monte Cofano – Spiaggia dei Cuticchi

Gli abiti, la pettinatura, le scarpe; ma anche l’andatura, la posizione e l’espressione del volto, il tono della voce e le parole usate, sono tutti segni che danno forma alla prima impressione su di noi. Sono anche i segni che mandiamo al mondo per dire a tutti “ecco io sono così”. Sono segni che sappiamo modificare ed adattare, per cambiare a nostro piacere il messaggio “ecco io sono così”. Lo cambiamo a seconda del nostro umore, del posto in cui siamo o dell’impressione che vogliamo dare. Le nostre carte da giocare nella partita delle relazioni, carte con cui sappiamo bluffare abilmente.

Ma come tanti bluff, dopo alcuni giri di carte vengono scoperti, così i nostri segni vengono messi in ombra da altri segni che mostrano aspetti più genuini di noi. Nel quotidiano, al lavoro, a scuola, a casa, lasciamo dei segni che rappresentano le tracce della nostra esistenza vera senza finzioni e senza schermi. Non più un messaggio diretto che dice “ecco io sono così” e che arriva prima di essere conosciuti, ma un residuo del nostro passaggio che dice “sono proprio io questo qui”, “questo identifica la mia presenza”.

Ecco che piccoli ed insignificanti residui della nostra esistenza, formano un’impressione di noi, nelle persone che frequentiamo ogni giorno, più vera, più nuda. Residui veramente insignificanti se presi isolati, ma giudici inflessibili di come siamo, quando sono collegati a noi. Quindi il tubetto di dentifricio non chiuso, il cassetto aperto, la maglia lasciata sulla sedia, la risposta secca, i patti abbandonati sul tavolo, non aggiungere “per favore” alla richiesta fatta, non salutare; di per sé non sono un dramma, ma ripetuti ogni giorno, fatti trovare di continuo, come gli odori lasciati dai cani per marcare il territorio, diventano “noi” agli occhi degli altri.

Dicono “chi è stato qui, se ne frega di me”, “qui è passato lui/lei”. Sul lavoro creano i gruppi o isolano le persone. In famiglia alimentano (inutilmente o meno, dipende dai casi) i contrasti e le discussioni. Nelle coppie, alla lunga, diventano oggetto di discussioni e scintille per innescare litigi. Contrasti e liti che sembrano farse se analizzati isolatamente; che io sappia nessuno è morto, si é ferito o è andato in rovina per un tappo di dentifricio non chiuso. Ma sono benzina per il fuoco delle incomprensioni.

Ecco, io penso che in questi casi, se gli attriti non nascondono cause o ferite più profonde, non si può non agire sui due fronti. Chi schizza come un gatto i propri odori deve dare, anzi darsi, la risposta onesta a queste domande: “è così che voglio essere?”, “voglio veramente dire questo a le persone che mi circondano?”. E non prendiamoci in giro con la risposta sbrigativa e infantile “si”: è un comodo nascondiglio. In questo caso dobbiamo dire “si, perché …..”, dove il perché deve essere veramente convincente e formare una linea di azione. Noi e solo noi siamo gli autisti della nostra vita, non sono ammesse distrazioni.

Chi trova le nostre tracce invece ha molte scelte. Può farcelo notare, perché sa che siamo migliori rispetto a quello che dicono i segni che distrattamente lasciamo in giro. Può farcelo notare in modo ossessivo, ed è una richiesta di attenzioni. Può notarlo, porre rimedio e sorridere pensando che è il segno della vicinanza della persona amata. Può ignorarlo; ma non illudiamoci, non per questo quei piccoli segni smetteranno di dire al mondo come siamo veramente.Gli abiti, la pettinatura, le scarpe; ma anche l’andatura, la posizione e l’espressione del volto, il tono della voce e le parole usate, sono tutti segni che danno forma alla prima impressione su di noi. Sono anche i segni che mandiamo al mondo per dire a tutti “ecco io sono così”. Sono segni che sappiamo modificare ed adattare, per cambiare a nostro piacere il messaggio “ecco io sono così”. Lo cambiamo a seconda del nostro umore, del posto in cui siamo o dell’impressione che vogliamo dare. Le nostre carte da giocare nella partita delle relazioni, carte con cui sappiamo bluffare abilmente.

Ma come tanti bluff, dopo alcuni giri di carte vengono scoperti, così i nostri segni vengono messi in ombra da altri segni che mostrano aspetti più genuini di noi. Nel quotidiano, al lavoro, a scuola, a casa, lasciamo dei segni che rappresentano le tracce della nostra esistenza vera senza finzioni e senza schermi. Non più un messaggio diretto che dice “ecco io sono così” e che arriva prima di essere conosciuti, ma un residuo del nostro passaggio che dice “sono proprio io questo qui”, “questo identifica la mia presenza”.

Ecco che piccoli ed insignificanti residui della nostra esistenza, formano un’impressione di noi, nelle persone che frequentiamo ogni giorno, più vera, più nuda. Residui veramente insignificanti se presi isolati, ma giudici inflessibili di come siamo, quando sono collegati a noi. Quindi il tubetto di dentifricio non chiuso, il cassetto aperto, la maglia lasciata sulla sedia, la risposta secca, i patti abbandonati sul tavolo, non aggiungere “per favore” alla richiesta fatta, non salutare; di per sé non sono un dramma, ma ripetuti ogni giorno, fatti trovare di continuo, come gli odori lasciati dai cani per marcare il territorio, diventano “noi” agli occhi degli altri.

Dicono “chi è stato qui, se ne frega di me”, “qui è passato lui/lei”. Sul lavoro creano i gruppi o isolano le persone. In famiglia alimentano (inutilmente o meno, dipende dai casi) i contrasti e le discussioni. Nelle coppie, alla lunga, diventano oggetto di discussioni e scintille per innescare litigi. Contrasti e liti che sembrano farse se analizzati isolatamente; che io sappia nessuno è morto, si é ferito o è andato in rovina per un tappo di dentifricio non chiuso. Ma sono benzina per il fuoco delle incomprensioni.

Ecco, io penso che in questi casi, se gli attriti non nascondono cause o ferite più profonde, non si può non agire sui due fronti. Chi schizza come un gatto i propri odori deve dare, anzi darsi, la risposta onesta a queste domande: “è così che voglio essere?”, “voglio veramente dire questo a le persone che mi circondano?”. E non prendiamoci in giro con la risposta sbrigativa e infantile “si”: è un comodo nascondiglio. In questo caso dobbiamo dire “si, perché …..”, dove il perché deve essere veramente convincente e formare una linea di azione. Noi e solo noi siamo gli autisti della nostra vita, non sono ammesse distrazioni.

Chi trova le nostre tracce invece ha molte scelte. Può farcelo notare, perché sa che siamo migliori rispetto a quello che dicono i segni che distrattamente lasciamo in giro. Può farcelo notare in modo ossessivo, ed è una richiesta di attenzioni. Può notarlo, porre rimedio e sorridere pensando che è il segno della vicinanza della persona amata. Può ignorarlo; ma non illudiamoci, non per questo quei piccoli segni smetteranno di dire al mondo come siamo veramente.

Che lei è il vigile di quartiere? (2/2)

20131013-200750.jpg
Dalle finestre di casa mia si vede gran parte della piazza; al centro ci sono le rovine del Tempio di Elio Callisto che un tempo erano il perno di un senso rotatorio fatto di quattro lati, in cui fluiva il traffico. In due lati la strada era più larga e le auto sul marciapiede ed in doppia fila riempivano lo spazio non strettamente necessario alla circolazione. Poi, in qualche ufficio Municipale qualcuno, penso colto da malore, ha avuto un’idea buona: chiudere uno dei due lati larghi e farne un’area pedonale con panchine ed alberi. Ma non solo: l’idea dalle carte della burocrazia, con tempi non proprio fulminei, è stata portata a termine. Ora dalle finestre vedo (e sento) lo schiamazzare di bambini che giocano, corrono sui pattini e in bicicletta, osservati dai genitori comodamente seduti. La piazza è nuova hanno rifatto i passaggi pedonali e ci sono anche i percorsi per i non vedenti. Le strade sono larghe lo stretto necessario per far passare i veicoli e le macchine, tranne che i pochi spazi previsti, non parcheggiano più nella piazza.

Tempo fa proprio sopra un passaggio pedonale era parcheggiata una Fiat Cinquecento L bianca con il tetto nero. Parcheggiada da un bel po’. Ad un certo punto un papà, dalla parte pedonale ha attraversato con il figlio ed ha aperto la macchina.
Un signore gli ha detto:
– Guardi che li c’è un passaggio pedonale, non si può lasciare la macchina.
– Si lo so, ma lo messa qui solo da cinque minuti ora vado via!
– No scusi, sono qui da un’ora e la macchina era già li quando sono arrivato.
Ha precisato il signore, sentitosi preso in giro.
– E che lei è il vigile di quartiere?
Ha concluso il papà, entrando in macchina con il bambino. Ha messo in moto ed è andato via.

Devo fare i miei complimenti allo sconosciuto signore che ha ripreso il papà della Cinquecento L. L’individualismo e il pensare solo ai fatti propri, di questi tempi, non sono proprio il concime per comportamenti simili.
Invece il papà della Cinquecento è il risultato di giorni passati in poltrona al telecomando, di una vita costruita attorno a tanti parcheggi sulle strisce per stare più comodo e sentirsi padrone del mondo. Ma ormai è prigioniero della sua sfera, costruita attorno alla falsa tranquillità e alla continuo tentativo di evitare sforzi e fatica. Purtroppo chi ne farà le spese, più delle persone che incontra, sarà quel bambino salito sulla Cinquecento: crescerà senza essere capace di grandi conquiste e il confine delle sue aspirazioni sarà uno schermo, da dove le potrà vedere realizzate da altri, ignorando il suono dell’allarme della sua macchina parcheggiata al posto riservato agli invalidi.

Che lei è il vigile di quartiere? (1/2)

20131002-120950.jpgLa televisione propone tutti i giorni programmi e notiziari che non richiedono uno sforzo per l’ascolto. Si possono seguire per ore, e nessun Auditel è in grado di misurare quanti telespettatori siano svegli davanti al programma selezionato, o quanto questo migliori o contribuisca alla vita delle persone che lo guardano. Si perché di sicuro ci influenza, ma non necessariamente in modo positivo; ci influenza occupando il nostro tempo, facendo scivolare la mente in uno stato di apparente rilassamento, facendoci rinviare a domani quelle piccole incombenze che appesantiscono il bagaglio con l’etichetta “devo fare anche questo”.

Ci culla, senza chiederci sforzi, in una sfera personale fatta di svago, informazione preconfezionata e cronaca. Una sfera che, nel tempo, si trasforma da rifugio di relax in limite della nostra personalità. Si perché questa dimensione “personale” diventa familiare e la si fa propria mantenendola anche nei comportamenti quotidiani. Quindi l'”io” diventa stile di vita e di comportamento annullando qualsiasi altra cosa. “Io non accendo le luci di giorno, perché mi sembra un’idiozia”, “io non ho un buon servizio con le tasse che pago”, “io chiudo il balcone, così ho più spazio”, “io non pago il canone RAI perché non é giusto”.

Azioni, scelte e comportamenti che basano, spesso su un giusto motivo, le nostre azioni sbagliate. Diventiamo dei rivoluzionari pigri, fieri della nostra piccola disobbedienza, gratificati dai vantaggi che ci porta senza nessuno sforzo. Sforzo, è questa una delle attività di cui dobbiamo riappropriarci. Come? Per rimettere in moto la nostra mente e le nostre capacità, proviamo ad istituire a casa, nella nostra famiglia, ma anche se viviamo soli, il giorno del silenzio televisio. Una volta a settimana, ogni due od ogni mese, sarà un giorno in cui, rimaniamo a casa lasciando scuro e muto quel quadro girevole che di solito ci immobilizza sul divano.

Non importa decidere un’attività alternativa. Guardatevi attorno, raccontatevi la giornata, anche le idiozie; leggete un libro o il giornale, accendete la musica, innaffiate le piante e levate le foglie brutte, fatevi insegnare un gioco. Ma senza televisione e una volta decisa ripetete l’appuntamento una, due, tante volte.20131002-093121.jpg
La televisione propone tutti i giorni programmi e notiziari che non richiedono uno sforzo per l’ascolto. Si possono seguire per ore, e nessun Auditel è in grado di misurare quanti telespettatori siano svegli davanti al programma selezionato, o quanto questo migliori o contribuisca alla vita delle persone che lo guardano. Si perché di sicuro ci influenza, ma non necessariamente in modo positivo; ci influenza occupando il nostro tempo, facendo scivolare la mente in uno stato di apparente rilasamento, facendoci rinviare a domani quelle piccole incombenze che appesantiscono il bagaglio con l’etichetta “devo fare anche questo”.

Ci culla, senza chiederci sforzi, in una sfera personale fatta di svago, informazione preconfezionata e cronaca. Una sfera che, nel tempo, si trasforma da rifugio di relax in limite della nostra personalità. Si perché questa dimensione “personale” diventa familiare e la si fa propria mantenendola anche nei comportamenti quotidiani. Quindi l'”io” diventa stile di vita e di comportamento annullando qualsiasi altra cosa. “Io non accendo le luci di giorno, perché mi sembra un’idiozia”, “io non ho un buon servizio con le tasse che pago”, “io chiudo il balcone, così ho più spazio”, “io non pago il canone RAI perché non é giusto”.

Azioni, scelte e comportamenti che basano, spesso su un giusto motivo, le nostre azioni sbagliate. Diventiamo dei rivoluzionari pigri, fieri della nostra piccola disobbedienza, gratificati dai vantaggi che ci porta senza nessuno sforzo. Sforzo, è questa una delle attività di cui dobbiamo riappropriarci. Come? Per rimettere in moto la nostra mente e le nostre capacità, proviamo ad istituire a casa, nella nostra famiglia, ma anche se viviamo soli, il giorno del silenzio televisio. Una volta a settimana, ogni due od ogni mese, sarà un giorno in cui, rimaniamo a casa lasciando scuro e muto quel quadro girevole che di solito ci immobilizza sul divano.

Non importa decidere un’attività alternativa. Guardatevi attorno, raccontatevi la giornata, anche le idiozie; leggete un libro o il giornale, accendete la musica, innaffiate le piante e levate le foglie brutte, fatevi insegnare un gioco. Ma senza televisione e una volta decisa ripetete l’appuntamento una, due, tante volte.

La misteriosa invasione dei passeggini letaliThe mysterious invasion of lethal stroller

Le differenze all’estero
Quando sono all’estero le differenze con l’Italia si notano. Sto passando tre giorni ad Oslo e ne vedo molte, ma non sono di quelli che dicono che all’estero tutto funziona bene e da noi nulla. Poi ci sono cose che, nella nostra Italia, non cambierei solo per un’inutile emulazione esterofila. Per esempio non vorrei il forzato silenzio che regna per le strade; la posizione composta e senza gesticolare che hanno le persone quando parlano; l’espressione di apparente indifferenza che hanno quando si incontrano.
Ovviamente ci sono cose che invece, vorrei noi Italiani prendessimo ad esempio: come l’attenzione ai pedoni; l’impegno per il proprio lavoro qualunque esso sia in quel momento; la considerazione dei nostri vicini mentre siamo in fila; i padroni dei cani con il sacchetto di plastica sempre con sé. Insomma una serie di cose che, quando ci sono, ti fanno sembrare di vivere meglio e che costa poco metterle in atto: solo due monete di buona volontà.
Ma c’è una cosa che non capisco, non so spiegarmi e non sopporto per quanto mi turba. Sono le carrozzine o passeggini. Si, si, le carrozzine dei bambini. Qui ad Oslo si vedono, anzi se ne vedono molte perché le donne e le famiglie in genere sono aiutate più che in Italia. È normale, con il tipo di facilitazioni durante la maternità i genitori hanno modo di passare molto tempo con i figli appena nati e appena c’è un varco tra le nuvole, parchi e strade si popolano di carrozzine con madri e padri (nonostante la Norvegia sia così progressista, si vedono più mamme) che portano a passeggio i loro bambini. Li portano a passeggio con la carrozzina perché ancora non camminano, infatti si chiamano passeggini. Poi appena sono sicuri sulle loro gambe, via a correre da soli o per mano con i genitori. E questo fino a poco tempo fa era la norma anche in Italia. Il pargolo non cammina? In scarrozzato da mamma e papà! Cammina? Via con le sue gambe oppure resta a casa. Per quanto abbia dei ricordi incredibilmente lontani, carrozzina e passeggino non li ricordo. Li vedo solo nelle foto di famiglia, segno che anche io ho abbandonato questo mezzo appena conquistata l’autonomia verticale.

Cosa è accaduto?
Ma da noi deve essere successa qualcosa di cui non mi sono accorto che ha cambiato quest’ordine di cose. E questo si nota tanto all’estero. Da noi si vedono bambini di cinque, sei ma ne conosco anche di otto che escono con i genitori praticamente solo in carrozzina.
Non può essere una nuova patologia pediatrica diffusasi in Italia, perché di sicuro ne avrebbero parlato giornali e televisione. Anche se qui in Norvegia, quando penso alla quantità di italici bambini che si aggirano di sabato nei centri commerciali sulle carrozzine, mi sembra impossibile che non abbiano tutti una malattia. Di sicuro, non posso pensare siano normali, visto che qui a tre anni sgambettano dietro ai loro genitori. Ma di che anormalità possono soffrire dei bambini che svelano scatti da centometristi in prossimità di scaffali di caramelle, giocattoli o qualsiasi cosa li interessi? Tempo fa avevo pensato che si fosse diffusa una specie di patologia del sadico-torturatore nei genitori, che godevano a tenere in costrizione bambini così grandi e così in salute. Ma anche questa ipotesi fu destinata a crollare di fronte alle facce sofferenti ed alle lamentele nei loro discorsi che mi è capitato di origliare, su di quanto é pesante spingere il bambino su e giù tutto il giorno.

Il pericolo è tra noi
Allora cosa tiene incollati a questi mezzi, i nostri bambini oltre la tenera età di gattonamenti e pannolini? Analizzando la situazione abbiamo dei bambini sani e capaci da un lato e dei genitori, stanchi e poco contenti del loro ruolo di motrici. E in mezzo a questo binomio? Ci sono loro, le carrozzine. Fossero loro in qualche modo responsabili di questo stato di cose? A pensarci bene qui in Norvegia sono diverse, tutte con la scocca dove è il bambino, in alto; con ruote grandi ed un assetto quasi da cross, fatte per superare qualsiasi ostacolo e per tenere il piccolo a portata di genitore. In Italia no, sono quasi tutte su un assetto stile ombrello del tipo si-apre-e-si-chiude-con-un-click. Nel mezzo dei due manici c’è una specie di amaca dove sprofonda il bambino che non vede il genitore-motrice. Più il bambino cresce e più l’amaca si adatta e accoglie ed abbraccia, facendolo sprofondare, l’essere che in altri paesi sarebbe già autonomo. E’ un abbraccio letale che coccola il bimbo lontano dallo sguardo dei genitori e penso che anche la stoffa emani una sostanza che produce assuefazione e dipendenza, perché solo i bambini che hanno praticato queste carrozzine si sentono urlare come tossicodipendenti che anelano la loro dose: “voglio salire! voglio salire!”.
Di sicuro è così, altro che teorie complottistiche o di invasioni aliene; siamo ignari testimoni di un’invasione di passeggini killer, inviati chissà da chi, che stanno intorpidendo le future generazioni Italiache. Ovviamente, visto che all’estero non se ne vedono né gli efetti né traccia alcuna, è un’invasione ideata da qualche forza straniera. Forse è espressione del famoso pericolo giallo, pensateci bene, avete mai visto una famiglia Cinese con un passeggino di questi? Io no, nemmeno in Italia.

Ieri all’Opera House di Oslo ho sentito:
“Dai mamma, spingi più forte, più forte!”
“E no, basta! Che ti credi mamma non ce la fà in salita”
“Dai mamma, dai mamma, più forte, più forte”
Mi sono girato, la mamma Italica spingeva una di quelle carrozzine da, dove adagiato nel suo abbraccio letale, un essere di oltre venti chili di stazza si sbracciava per far capire meglio le sue intenzioni. Oddio le carozzine hanno iniziato l’invasione anche in Norvegia!When I am abroad, I see the differences with the Italy. I am spending three days in Oslo and I see many, but I am not one of those who say that abroad everything works well and we, in Italy, have nothing working well. There are things that in our Italy, I wouldn’t change only to follow the useless xenophiliac emulation. For example i would not get the forced silence that reigns in the streets; the composed position without gesturing that have people when they speak; the expression of apparent indifference that have when they meet. Of course there are things that, instead, I’d like we Italians took for example: the attention of pedestrians; the commitment to your work whatever it is at that moment; the consideration of our neighbors while we are in a row; the masters of the dogs with the plastic bag with you at all times. In short, a series of things that, when there are, they make you seem to live better and that it is cheap to implement them: only two coins of good will.
But there is one thing that I do not understand, I can’t understand and can’t stand without it torment me. Are the wheelchairs or strollers. Yes, yes, the children’s strollers that we in Italy call small-wheelchairs. Here in Oslo I saw them, indeed I saw many because women and families in general are assisted more than in Italy. It is normal, with these kinds of facility during maternity parents have a way to spend a lot of time with the children as soon as born. So as soon as there is a gap in the clouds where the sun can inflitrate, parks and streets are been populated by wheelchairs with mothers and fathers (despite the Norway is so progressive, you can see more mothers) that lead to walk their children. Lead them to stick with the wheelchairs because not yet walking, in fact we call them buggies. Then as soon as they are safe on their legs, track to run alone or in hand with parents. Is this not so long ago, it was usual in Italy. The kid does not walk? They were been shuttled from mum and dad! Walk? Track with its legs or remain at home. But as far as i have memories of incredibly distant, wheelchair and stroller I can’t remember them. I see them only in family photos, a sign that even i have abandoned this means just when I conquered the vertical autonomy. But it must be happened something that I haven’t noticed that has changed this order of things. And this can be noticed much abroad. With us, you see children of five or six, but i know even eight, taking a walk with parents practically only in wheelchairs (stroll).
It cannot be a new pediatric pathology in Italy, as I’m sure it would have been spoken by newspapers and television. Even though here in Norway, when i think of the amount of Italic children who roam on saturday in shopping centers on wheelchairs, it seems to me impossible that not all have a disease. Certainly, I cannot think they are normal, as I see here, three years old babies frolic and jumping behind their parents. But of what abnormality can suffer the Italian children that, after be being immobile sitting, reveal shots from centometristi near shelves of candy, toys or whatever interests them? Time ago i thought differently: that it was a widespread species of pathology of the sadistic-torturer in parents, who enjoyed to hold in constriction children so large and so healthy. But even this hypothesis was destined to collapse when I saw the suffering faces and heared complaints in their speeches about how is heavy push the child up and down all day.
So, what keeps glued to these baby-vehicles our children far beyond the crowling age? By analysing the situation, in one side we have plenty of children healthy and capable, on the other hand the parents, tired and so little happy of their role as baby-engine. And in the midst of this pairing? There are their, the wheelchairs. They were in some way responsible for this state of things? If you think about it, here in Norway they are different: all with the body where the child is at the top; with large wheels and a cross shape, made to overcome any obstacle and to hold the baby in parent hands range. In Italy no, they are almost all on a attitude umbrella-style of type is-opens-and-yes-closes-with-a-click. In the middle of the two handles there is a kind of hammock where plunges the child that never sees the parent-driving. More the child grows and more the hammock fits and welcomes and embraces, making the baby sink, even if he, in other countries, would be already autonomous. It is a lethal embrace that snuggles your baby away from the eyes of parents and I think that the fabric will produce a substance that produces habituation and dependence, because only children that have experienced these wheelchairs feel scream like drug addicts who yearn for their dose: ‘I want to climb up! I want to climb up! ‘. Certainly, more that conspiracy theories or alien invasions; we are unwitting witnesses to an invasion of killer strollers, sent who knows who, they are intorpidendo the future Italic generations. Obviously, given that abroad you do not see nor the effects nor no trace, such kind of invasion must be designed by some foreign force. Perhaps it is the expression of the famous yellow peril, think again, have you ever seen a Chinese family with a stroller with these? I do not, even in Italy.
Yesterday at the Opera House in Oslo i heard:
“Come on mom, push stronger, stronger!”
“No baby, enough is enough! That you believe mum doesn’t uphill?”
“Come On mom, come on mom, stronger, more strong”
i was shot, and this Italica mother was pushing one of those wheelchairs, where lies in its deadly embrace, a baby of more than twenty kilos of tonnage, was waving his arms to make understandable his intentions. Gosh the wheelchair began the invasion even in Norway!

Nessuno mi puó giudicareNone can judge me!

20130829-091536.jpg Sui muri della stazione per l’aeroporto ho letto la frase “nessuno può giudicare”. Con lo stesso spray e nello stesso stile, vicino era scritto “Riprendiamoci la libertà”. Mi colpisce e mi incuriosisce sempre quando si invoca la libertà. È un concetto astratto e, sopratutto, soggettivo; come la ricchezza. Per uno studente universitario avere uno stipendio di 1500 euro può rappresentare un traguardo e farlo sentire ricco. Un impiegato che lavora da quindici anni con uno stipendio di 1500 euro, probabilmente pensa che se avesse 2000, o anche 2200 euro al mese, potrebbe fare una vita da sogno. Insomma, non importa quanto si é ricchi perché lo si può essere di più. E avere meno soldi di quanto ne abbiamo, ci fa sempre sentire più poveri. Comunque, ci sarà sempre qualcuno che considera, quello che per noi è un livello di povertà, come una ricchezza da sogno. Per la libertà è anche più complesso. Perché non c’é un numero che esprime quanto siamo liberi; in più, non c’è una direzione unica verso cui aumenta la libertà. Quindi un’azione che a me fa essere più libero non è detto che produca lo stesso effetto su un’altra persona. Anzi potrebbe, per lui, risultare in una riduzione della libertà. Parafrasando un problema di logica matematica: “Se uno è libero in assoluto, e sceglie di essere schiavo, è ancora libero?”. Ma torniamo al nostro autore. Forse non si rende conto che sta invocando una forma di coercizione. Perché se nessuno può giudicare, lui non può giudicare e dove stabilisce il confine tra giudizio ed opinione? Solo quando non implica una persona? Significa, comunque limitare le sue possibilità di esprimere opinioni. Invece io vorrei che tutti potessero, se lo vogliono, giudicarmi. Solo così anch’io avrò la mia libertà di opinione. Vorrei che potessero giudicarmi in modo aperto, esplicito ed esprimere la loro soggettività di giudizio, così da darmi modo, se voglio, di opinare i giudizi che non condivido. Questo non é possibile nella nostra società e probabilmente è un’utopia. Anche se non è così evidente, la nostra società, come l’anonimo writer, usa come sinonimi le parole giudizio e condanna. Ecco che nei piccoli paesi, dove siamo riconosciuti come individui e non siamo anonime persone, il giudizio altrui pesa come una condanna ed influenza il modo di vestire, di comportarsi o, addirittura i luoghi in cui non farsi vedere. Suggerirei all’anonimo writer di esercitarsi a leggere i giudizi degli altri e leggerli in modo aperto, spesso contengono degli stimoli che ci fanno migliorare e non sarà mai un giudizio inappropriato a farmi diventare peggiore. PS ma lo sa ‘sto writer che ha violato la mia libertà di partire da una stazione pulita? E poi spenda ancora un po’ di soldi in spray, che confronto ai disegni che erano lì vicino manca ancora molto di stile. Ooops, l’ho giudicato! ( l’immagine é una stupenda realizzazione che potete vedere qui http://www.choishine.com/port_projects/landsnet/landsnet.html)20130829-091536.jpg Sui muri della stazione per l’aeroporto ho letto la frase “nessuno può giudicare”. Con lo stesso spray e nello stesso stile, vicino era scritto “Riprendiamoci la libertà”. Mi colpisce e mi incuriosisce sempre quando si invoca la libertà. È un concetto astratto e, sopratutto, soggettivo; come la ricchezza. Per uno studente universitario avere uno stipendio di 1500 euro può rappresentare un traguardo e farlo sentire ricco. Un impiegato che lavora da quindici anni con uno stipendio di 1500 euro, probabilmente pensa che se avesse 2000, o anche 2200 euro al mese, potrebbe fare una vita da sogno. Insomma, non importa quanto si é ricchi perché lo si può essere di più. E avere meno soldi di quanto ne abbiamo, ci fa sempre sentire più poveri. Comunque, ci sarà sempre qualcuno che considera, quello che per noi è un livello di povertà, come una ricchezza da sogno. Per la libertà è anche più complesso. Perché non c’é un numero che esprime quanto siamo liberi; in più, non c’è una direzione unica verso cui aumenta la libertà. Quindi un’azione che a me fa essere più libero non è detto che produca lo stesso effetto su un’altra persona. Anzi potrebbe, per lui, risultare in una riduzione della libertà. Parafrasando un problema di logica matematica: “Se uno è libero in assoluto, e sceglie di essere schiavo, è ancora libero?”. Ma torniamo al nostro autore. Forse non si rende conto che sta invocando una forma di coercizione. Perché se nessuno può giudicare, lui non può giudicare e dove stabilisce il confine tra giudizio ed opinione? Solo quando non implica una persona? Significa, comunque limitare le sue possibilità di esprimere opinioni. Invece io vorrei che tutti potessero, se lo vogliono, giudicarmi. Solo così anch’io avrò la mia libertà di opinione. Vorrei che potessero giudicarmi in modo aperto, esplicito ed esprimere la loro soggettività di giudizio, così da darmi modo, se voglio, di opinare i giudizi che non condivido. Questo non é possibile nella nostra società e probabilmente è un’utopia. Anche se non è così evidente, la nostra società, come l’anonimo writer, usa come sinonimi le parole giudizio e condanna. Ecco che nei piccoli paesi, dove siamo riconosciuti come individui e non siamo anonime persone, il giudizio altrui pesa come una condanna ed influenza il modo di vestire, di comportarsi o, addirittura i luoghi in cui non farsi vedere. Suggerirei all’anonimo writer di esercitarsi a leggere i giudizi degli altri e leggerli in modo aperto, spesso contengono degli stimoli che ci fanno migliorare e non sarà mai un giudizio inappropriato a farmi diventare peggiore. PS ma lo sa ‘sto writer che ha violato la mia libertà di partire da una stazione pulita? E poi spenda ancora un po’ di soldi in spray, che confronto ai disegni che erano lì vicino manca ancora molto di stile. Ooops, l’ho giudicato! ( l’immagine é una stupenda realizzazione che potete vedere qui http://www.choishine.com/port_projects/landsnet/landsnet.html)

Il Lavoro è un diritto

20130521-102203.jpg

In autobus ero vicino a due ragazzi, poco piú che ventenni, vestiti in giacca e cravatta, che parlavano del loro lavoro. Dai loro discorsi ho capito che lavorano in un call center che vende contratti di abbonamento per Sky. Ne parlavano come di un buon lavoro anche se i rapporti con i loro manager o coordinatori non dovevano essere dei migliori. Mi ha colpito la frase di uno “io non posso pensare solo al lavoro, devo pensare anche alla mia vita”. Sul momento ho notato solo l’effetto di stonatura che avevo provato, e ho iniziato a riflettere sul perché.
Quel “Devo pensare ANCHE alla mia vita” in antitesi con il lavoro non fa parte del mio modo di pensare. Sono cresciuto in una famiglia dove il lavoro era considerato parte integrante ed inseparabile della propria vita, non un elemento estraneo; chi non lavorava era o un fannullone o malato.
La possibilitá di migliorare la propria situazione, di avanzare nella societá, di sentirsi felici, era strettamente legata al buon esito ed ai successi sul lavoro. Ed il lavoro era l’attivitá che ciascuno faceva per essere utile e per essere “qualcuno”. Per i bambini era lo studio: “studia, studia, che sennó da grande non trovi lavoro”, “studia che sennó da grande fai il monnezzaro” diceva mia nonna. E non lo diceva con disprezzo o altezzositá per le persone che facevano quel lavoro, ma era il suo modo di farmi capire che l’impegno e lo sforzo era l’unico modo per veder realizzate un domani le mie aspirazioni.

Dalla Costituzione Italiana spesso si sente citare l’Art.1 “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.” Subito seguito dalla citazione dell’articolo 4 che parla del diritto al lavoro di tutti i cittadini. Ma chissá perché questo viene citato, commentato e urlato nelle manifestazioni in modo monco. L’Art.4 dice “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

La parte del dovere è spesso tralasciata. E viene spiegato bene anche perché il lavoro è un dovere: per concorrere al progresso materiale o spirituale della societá. Mia nonna lo vedeva come il progresso suo e della sua famiglia, la costituzione parla della società

Quindi a quelle persone dal pensiero “che il lavoro non é tutto” vorrei dire che tantomeno pensare a se stessi non è tutto, anzi è proprio poco.

PS: Nella foto potete vedere la Nonna di mia suocera al lavoro.20130521-102020.jpg

In autobus ero vicino a due ragazzi, poco piú che ventenni, vestiti in giacca e cravatta, che parlavano del loro lavoro. Dai loro discorsi ho capito che lavorano in un call center che vende contratti di abbonamento per Sky. Ne parlavano come di un buon lavoro anche se i rapporti con i loro manager o coordinatori non dovevano essere dei migliori. Mi ha colpito la frase di uno “io non posso pensare solo al lavoro, devo pensare anche alla mia vita”. Sul momento ho notato solo l’effetto di stonatura che avevo provato, e ho iniziato a riflettere sul perché.
Quel “Devo pensare ANCHE alla mia vita” in antitesi con il lavoro non fa parte del mio modo di pensare. Sono cresciuto in una famiglia dove il lavoro era considerato parte integrante ed inseparabile della propria vita, non un elemento estraneo; chi non lavorava era o un fannullone o malato.
La possibilitá di migliorare la propria situazione, di avanzare nella societá, di sentirsi felici, era strettamente legata al buon esito ed ai successi sul lavoro. Ed il lavoro era l’attivitá che ciascuno faceva per essere utile e per essere “qualcuno”. Per i bambini era lo studio: “studia, studia, che sennó da grande non trovi lavoro”, “studia che sennó da grande fai il monnezzaro” diceva mia nonna. E non lo diceva con disprezzo o altezzositá per le persone che facevano quel lavoro, ma era il suo modo di farmi capire che l’impegno e lo sforzo era l’unico modo per veder realizzate un domani le mie aspirazioni.

Dalla Costituzione Italiana spesso si sente citare l’Art.1 “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.” Subito seguito dalla citazione dell’articolo 4 che parla del diritto al lavoro di tutti i cittadini. Ma chissá perché questo viene citato, commentato e urlato nelle manifestazioni in modo monco. L’Art.4 dice “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.”

La parte del dovere è spesso tralasciata. E viene spiegato bene anche perché il lavoro è un dovere: per concorrere al progresso materiale o spirituale della societá. Mia nonna lo vedeva come il progresso suo e della sua famiglia, la costituzione parla della società

Quindi a quelle persone dal pensiero “che il lavoro non é tutto” vorrei dire che tantomeno pensare a se stessi non è tutto, anzi è proprio poco.

Gli uomini nuovi per l’EuropaEurope new men

Bossi Yacht 02Sul tema “Innovazioni tecnologiche e sviluppo industriale”, nella conferenza organizzata a Gardone Riviera dalla Federazione dei Cavalieri del Lavoro, un relatore (ndr) ha detto che: «… nelle innovazioni tecnologiche c’è il futuro dell’Europa e non bisogna considerare le elezioni europee come occasione per verificare o “regolamento dei conti” tra i partiti o correnti di partito…».

Solo ipotizzare la competizione elettorale europea come un “regolamento di conti” tra i partiti, oltre al significato di severa condanna che tale espressione comporta , mortifica ogni speranza per l’Europa unita. Con una classe politica da “regolamento dei conti” è soltanto possibile una collusione campanilistica tra i signori neofeudatari, vassalli a nomina del popolo sovrano, inamovibili per generazioni secondo una nuova apocrifa legge salica. Una tale classe politica, incapace a percepire le accelerazioni storiche, che oggi trasformano a velocità crescente configurazioni sociali e situazioni geopolitiche mondiali, e che fa riferimento ad esperienze proprie lontane anni-luce dalla realtà odierna, non potrà capire le esigenze nuove del presente, le sfide degli anni futuri e non saprà inserirsi in una dimensione costruttiva europea.

Per l’Europa unita servono nuove generazioni di giovani politici maturati con incarichi di crescente responsabilità operativa in settori produttivi nazionali ed esteri; che conoscano due, tre lingue e siano franchi da obblighi di riconoscenza verso partiti da “regolamento dei conti”.

La Stampa 17 Maggio 1984 B.Della Rossa
(il relatore era l’Avv. Gianni Agnelli)
Bossi Yacht 02On the theme “Technological innovations and industrial development”, in a conference in Gardone Riviera held by the Italian “Federazione dei Cavalieri del Lavoro”, a speaker (ED) said that: «… in the technological innovation is the future of Europe and we should not consider the elections (european ones) as an opportunity to verify or “settlement of accounts” between the parties or party currents …». Just imagine the European electoral competition as a “settling of accounts” between the parties, as well as to the meaning of that expression condemns serious acts, mortifies any hope for a United Europe. With a political class from “settling of accounts” is only possible collusion between the  neo-landowners, parochial, vassal appointed by the vote of the sovereign people, irremovable for generations, according to a new apocryphal Salic law. Such a political class, unable to perceive historical acceleration, that today turns to speed social configurations and growing geopolitical situations in the world, and that refers to its distant experiences light-years from today’s reality, cannot understand the new needs of the present, the challenges of future years and couldn’t fit into a constructive European dimension. For a United Europe we need new generations of young politicians matured with positions of increasing responsibility in domestic and foreign productive sectors; they have to know two, three languages and be free from thankfulness to the parties that are benn built on “settling of accounts”.

La Stampa 17 Maggio 1984 B.Della Rossa
(the speaker was  l’Avv. Gianni Agnelli)

Noi e loroWe and them

20130425-142026.jpg

Noi abbiamo ragione e loro torto.
Noi, del nord, lavoriamo e loro, terroni, campano con la mafia.
Noi, del nostro partito, sappiamo cosa fare per l’Italia e loro, vogliono distruggerla.
Noi, del nostro circolo, sappiamo cosa deve fare il partito e loro, vogliono svendere il partito.
Noi, che non abbiamo i balconi, non dobbiamo pagare i lavori e loro, che hanno i balconi devono metterli a posto.
Noi, della nostra squadra, siamo dei campioni e loro, vincono perché comprano gli arbitri.
Noi che siamo il popolo, soffriamo la crisi e loro che sono i politici, che fanno?
Noi e loro.

La nostra società (o forse solo la società Italiana?), ci fa sentire sicuri e nella ragione solo quando apparteniamo ad un noi che esiste perché è contro un loro ben identificato. Abbiamo perso del tutto la capacità di mostrare la forza delle nostre ragìoni e delle nostre idee. Da soli, non sappiamo che fare, non abbiamo idee. O forse abbiamo paura di averne.

Una cosa sola é certa: finché in questo paese si continuerà a cercare un loro a cui attribuire le colpe e su cui costruire le nostre idee, noi non saremo nulla per quello che siamo e pensiamo.
Basterá un noi piú grande (la Cina?) che ci veda come un loro e saremo senza scampo.
Penso che quando daremo risposta al kennediano (lo so non é bello, ma rende) pensiero “Io che devo fare? Che voglio fare?” Diventeremo di nuovo protagonisti e non delusi spettatori delle nostre esistenze.20130425-142026.jpg

We are right and them wrong.
We, in the north, we are working and their, terroni, survive thanks to the mafia.
We, in our party, we know what to do for Italy and them, want to destroy it.
We, in our circle, we know what we must do the for party and their, they want to sell off the party.
We, that we do not have balconies, we don’t have to pay the work and them, that have balconies must found for proper mainteinance.
We, on our team, we are the champions and their, win because they buy the football referee.
We, who are the people, are suffering from the crisis and that they are politicians, what they do?
We and them.

Our society (or perhaps only the Italian society? ), makes us feel safe and in reason, only when we belong to an us that exists because it is against a their well identified. We have lost all of the ability to show the strength of our reasons and our ideas. Alone, we do not know what to do, we have no ideas. Or perhaps we are afraid to have them.

Only one thing is certain: as long as you see in this country will continue to look for a their to blame and to be used to build our ideas, we will be nothing to what we are and we think.
It is sufficient to an us more great (the China’) that we see as a their and we will be without escape.

I think that when we give response to the kennedian thought ‘What I have to do? What i want to do.‘ We will become the new protagonists and not disappointed spectators of our lives.